• Pavia:

Tag Archives : Vigili del Fuoco

Vigevano, carambola di auto sulla strada dello shopping

Viabilità nel caos nel tardo pomeriggio di sabato a Vigevano. Attorno alle 17.30 si è verificato un incidente nel tratto urbano della ex statale 494, tra le rotonde di corso Pavia e di via Cararola, giusto di fronte a un negozio di ceramiche. Addirittura quattro i mezzi coinvolti, sei le persone ferite tra cui un…
Per saperne di più

Cozzo, si ribalta tir carico di legname. Autista in ospedale

Un camion che trasportava legname si è ribaltato attorno alle 17,30 di oggi pomeriggio all’altezza del cimitero di Cozzo Lomellina. La dinamica del sinistro è ancora al vaglio della Polizia Stradale intervenuta sul posto per i rilievi del caso. I Vigili del Fuoco di Mortara e Vigevano hanno invece provveduto a mettere in sicurezza il…
Per saperne di più

Albuzzano, un incendio distrugge il salumificio Gallotti. Ecco i video del rogo

Le fiamme che illuminano a giorno la via e una nuvola di fumo nero che si alza nel cielo. E' la scena a cui hanno assistito questa mattina gli abitanti di Albuzzano, dove un grosso incendio ha completamente distrutto il salumificio "Gallotti" in via XXV Aprile. La chiamata ai soccorsi è partita attorno alle sei e mezza del mattino e sul posto, in pochi minuti, sono arrivate diverse pattuglie dei vigili del fuoco e la protezione civile.

Armi e granate in cantina, evacuato un palazzo a Pavia

Un mitragliatore, alcuni fucili, diversi proiettili e quattro granate. Un ritrovamento incredibile quello fatto da alcuni muratori nella cantina di un palazzo di viale Libertà a Pavia. L'allarme è scattato poco prima delle otto di lunedì sera, quando i muratori, scavando nel terreno, hanno scoperto le armi, risalenti alla seconda guerra mondiale. Sul posto, tra…
Per saperne di più

Mortara, incendio all’alba in pieno centro

È da questi abbaini che si affacciano su corso Garibaldi, che prima dell’alba si sfogavano le fiamme divampate in un appartamento di una casa di corte. Un incendio in pieno centro, che ha svegliato di soprassalto i mortaresi. L’allarme è scattato attorno alle 5. Notevole è stato lo spiegamento di forze dei vigili del fuoco,…
Per saperne di più

La commissione regionale ambiente alla Eredi Bertè di Mortara. I politici camminano sulla montagna di rudo

Una scena decisamente inconsueta: un nutrito gruppo di esponenti politici arrampicato in cima a una montagna di rifiuti. Hanno toccato letteralmente con mano la situazione alla Eredi Bertè di Mortara i consiglieri regionali della commissione ambiente, giunti in Lomellina per un sopralluogo al deposito dove ancora giace il materiale andato a fuoco quasi un anno fa. I consiglieri si sono interfacciati con le forze dell’ordine e soprattutto con i tecnici di Arpa per fare il punto della situazione. Le procedure per il dissequestro dell’area sono partite, ma ancora non sembrano esserci molte certezze su tempi e modi della bonifica. La politica, intanto, insiste sui controlli, affermando che quello che è successo in Lomellina potrà servire a fare in modo che fatti del genere non si verifichino più.

Incendio Bertè a Mortara, le analisi arriveranno mercoledì

È terminato il lavoro dei vigili del fuoco alla Eredi Bertè di Mortara dopo l’incendio divampato venerdì pomeriggio all’interno dell’area messa sotto sequestro a seguito del gigantesco rogo avvenuto nel settembre del 2017. Non è escluso, comunque, che i pompieri debbano tornare sul posto per ulteriori operazioni di messa in sicurezza e prevenzione. Nelle prossime ore, intanto, è attesa la diffusione dei dati Arpa relativi al campionamento dell’aria nelle 72 ore successive all’incendio, mentre le primissime rilevazioni nell’immediatezza del fatto avevano escluso rischi per la popolazione, tanto che i sindaci non hanno emanato ordinanze restrittive riguardanti l’agricoltura o i prodotti dell’orto. La situazione oggi è piuttosto tranquilla: nell’aria non c’è più odore di bruciato e anche il bar-ristorante attiguo alla Bertè ha tenuto aperto come una normalissima giornata di lavoro. I carabinieri di Mortara hanno apposto nuovamente i sigilli al cancello della ditta, che rimane sotto sequestro, mentre proseguono le indagini per risalire alle cause dell’incendio. Indicazioni contrastanti starebbero emergendo dai primi riscontri. Se infatti sembrerebbe che le fiamme siano divampate dal centro del mucchio di rifiuti presente nel piazzale, è anche vero che, secondo indiscrezioni, dalla tipologia dei materiali che hanno preso fuoco, l’autocombustione sarebbe un’eventualità piuttosto remota. Sarà questo comunque lavoro per le autorità intervenute sul posto e sulla magistratura, che hanno dovuto aggiungere un nuovo capitolo alla vicenda Bertè.