• Pavia:

Tag Archives : truffa

Finti calendari dell’Arma, 12 denunciati e 100 pavesi truffati

I carabinieri della compagnia di Pavia hanno denunciato 12 persone accusate, a vario titolo, di truffa ed estorsione. La banda era specializzata nella commercializzazione di false riviste delle forze dell’ordine. Nella fattispecie, una volta convinte ad abbonarsi alle riviste, per un costo superiore ai 100 euro, le vittime venivano quasi obbligate a rinnovare gli abbonamenti…
Per saperne di più

Case vacanza inesistenti su internet, arrestate 4 donne

La banda era composta da sole donne, la più giovane ha 24 anni, la più anziana addirittura 76. Di giorno lavoratrici insospettabili, una di loro faceva l'impiegata, un'altra l'estetista, ma nel tempo libero erano delle abili truffatrici. A mettere loro i bastoni tra le ruote ci hanno pensato i carabinieri del comando provinciale di Pavia…
Per saperne di più

Talismani e consulenze, arrestate le “maghe” truffatrici

Si erano fatte consegnare oltre 40 mila euro da una 60enne residente in provincia di Como per "consulenze" d'amore, prima che la vittima si rivolgesse alle forze dell'ordine. I carabinieri della Stazione di Albate, coadiuvati dai colleghi della Compagnia di Como, hanno arrestato nelle scorse ore Veronica ed Elena Tummolo, due sorelle di 36 e 44 anni residenti a Vigevano e a Milano. Le donne si facevano chiamare Maga Marina e Maga Maria e offrivano i loro servizi su Facebook. Proprio sul social network la 60enne comasca si era rivolta a una di loro, spiegando di avere problemi di cuore: la signora temeva infatti che il compagno la volesse lasciare per un'altra donna. Per un mese, tra l'agosto e il settembre scorsi, le due truffatrici avevano dato consigli e suggerimenti alla vittima, dietro il pagamento di ingenti cifre di denaro. Una di loro aveva addirittura spiegato alla 60enne di averla vista in sogno e di poterla aiutare con talismani e altre magie. Alla fine le sorelle erano riuscite a incassare 42 mila euro, soldi che spendevano per viaggi, vacanze e pranzi sontuosi. Quando la vittima si era accorta di aver commesso un errore a confidarsi con le due donne, si era rivolta ai carabinieri. Gli uomini dell'Arma hanno poi scoperto che le "maghe" vivevano abusivamente in due alloggi popolari e che erano aiutate, per le loro truffe, dalla madre e dal suo compagno. Nelle intercettazioni, le due sorelle si erano auto-soprannominate “Le spolpacchione” perchè spolpavano i conti correnti delle loro vittime. Il caso di Albate, che ha dato il via alle indagini, non sarebbe l’unico. Le truffatrici erano ormai delle vere e proprie esperte e le forze dell’ordine sono state in grado di risalire ed identificare almeno una decina di vittime. Veronica ed Elena Tummolo sono ora accusate di truffa aggravata e tentata estorsione, mentre la madre e il compagno, sono indagati a piede libero.

Pavia, chiede soldi per iniziativa benefiche. Ma è una truffa

Si avvicinava ai passanti per chiedere denaro che a suo dire sarebbe stato usato per iniziative benefiche. Ma era un semplice truffatore che si approfittava della buona fede delle persone per raccogliere qualche spicciolo. I carabinieri di Pavia hanno denunciato un 63enne di origine napoletana, ma da anni residente a Milano, per truffa. Una pattuglia…
Per saperne di più

Voghera, anziani truffati dal finto broker

Prima li avrebbe fatti guadagnare, poi i soldi, i risparmi di una vita, sono scomparsi. O meglio, sarebbero finiti nel suo conto corrente personale. La notizia di quella che appare come una clamorosa truffa ai danni di due anziani arriva da Voghera. La coppia che si è affidata all’avvocato Maurizio Chiesa nella speranza di riavere i propri soldi e ha sporto denuncia alla guardia di finanza, lo scorso anno aveva dato circa 20mila euro a un consulente finanziario per farli fruttare. Dopo pochi mesi, la cifra era quasi raddoppiata. Allettati dai lauti guadagni, i due vogheresi si sono convinti ad affidare altri denari al consulente e il totale dei risparmi, fino a pochi mesi fa, era schizzato ad oltre 150mila euro. Il meccanismo si è inceppato quando i due coniugu hanno chiesto al promoter finanziario di riavere una parte del denaro per fare dei lavori di ristrutturazione edilizia. Secondo quando hanno riferito alle fiamme gialle, lui prima avrebbe preso tempo con diverse scuse, poi sarebbe sparito nel nulla, non rispondendo più al telefono e rendendosi di fatto irraggiungibile. Molto preoccupati, i due pensionati sono andati in banca per verificare il proprio conto e hanno avuto l’amara sorpresa: c’erano rimasti sì e no mille euro. Il resto sarebbe finito sul conto di un’azienda di Tortona intestata allo stesso consulente finanziario. Accuse pesanti che ora i legali della coppia e soprattutto le forze dell’ordine dovranno dimostrare. L’accusa per il broker è quella di truffa.

Tornano nel loro Stato di origine ma continuano a prendere aiuti sociali: denunciati

110 mila euro. Tanto dovranno restituire all’erario due anziani extracomunitari che, dopo essere stati a lungo in Italia e aver avuto accesso agli assegni sociali, sono tornati ad abitare nei rispettivi paesi, l’India e l’Argentina tra il 2007 e il 2010. L’indagine della guardia di finanza risale alla scorsa primavera, ma ad oggi dei due ultrasessantacinquenni non c’è traccia. “Il presupposto per ottenere gli aiuti – ha spiegato il comandante provinciale Cesare Maragoni - è la permanenza in Italia, queste persone invece si sono allontanate per più di 30 giorni, condizione che fa decadere la possibilità di riceverli”. Gli assegni in questione ammontano solo ad alcune centinaia di euro al mese, ma nel corso degli anni la cifra complessiva ha continuato a lievitare fino a superare in totale la soglia dei 100mila euro. L’uomo di nazionalità indiana e la donna argentina sono stati quindi denunciati per indebita percezione di erogazioni e sono stati segnalati alla Corte dei conti. Inoltre i finanzieri hanno richiesto il sequestro del denaro illecitamente sottratto alle casse dell’Inps. Anche se, su quest’ultimo aspetto, non è chiaro se, una volta rintracciati i responsabili, sarà possibile effettivamente sequestrare qualche somma. Sempre nell’ambito dei controlli, negli ultimi mesi le fiamme gialle hanno segnalato una decina di cittadini che percepivano il contributo affitti erogato dal comune pur non avendone diritto. Ora, in base alle disposizioni emanate anni addietro, dovranno restituire il triplo di quanto è stato loro concesso.

Voghera, truffa dell’oro da 2,5milioni: 5 arrestati

Cercavano sicurezza in un «bene rifugio», l’oro, e invece sono stati raggirati. Un giro d’affari da 2,5 milioni di euro e centinaia di persone finite nella rete della truffa. È quanto scoperto dalla guardia di finanza di Pavia che all’alba ha dato il via a un blitz che ha portato al fermo di 5 persone residenti tra Voghera, Alessandria e Bergamo con l’accusa di esercizio abusivo del credito, truffa e riciclaggio. Gli arresti, 3 in carcere e 2 con la misura dell’obbligo di firma, sono in corso.

Vigevano, donna truffata da falsi addetti dell’acquedotto

A proposito di truffe agli anziani, è purtroppo da segnalare l’ennesimo episodio, avvenuto proprio a Vigevano, nella zona di corso Genova. La vittima è una signora di 69 anni, che ha aperto la porta a due sedicenti tecnici dell’acquedotto. I due avevano spiegato di dover effettuare dei controlli alle conduttore. La malcapitata ha aperto, e…
Per saperne di più