• Pavia:

Tag Archives : terre d’oltrepò

Limitare l’utilizzo del fertilizzanti in vigna, ecco la tecnica del sovescio

È una delle pratiche agricole sostenbili per antonomasia ma, per qualche ragione, la Lombardia, a differenza di altre Regioni, non la riconosce come tale. Parliamo del sovescio, una tecnica spesso impiegata dalle aziende biologiche che permette di eliminare il ricorso ai fertilizzanti sintetici sfruttando al loro posto le naturali prorpietà di diverse erbe che vengono seminate e poi tagliate e interrate.

Truffa del vino, assemblea per discutere del patteggiamento

Tra i 4 e i 6 milioni di euro, rispetto agli oltre 18 contestati. Tanto potrebbe essere costretta a versare all’erario la cantina sociale di Broni Terre d’Oltrepò perché, neglia anni della gestione Cagnoni, avrebbe avuto profitti illeciti per 18 milioni e mezzo di euro, ottenuti attraverso la nota truffa commerciale del vino per cui…
Per saperne di più

Crisi Consorzio Vini, il fondatore Fogliani: “Basta egoismi”

Mettete da parte i litigi e mettetevi d’accordo una volta per tutte. L’invito a seppellire l’ascia di guerra che sta mettendo in crisi le istituzioni del settore del vino pavese e lavorare insieme per un futuro migliore arriva nientemeno che dal fondatore del consorzio di tutela del vino dell’Oltrepo, Giuseppe Fogliani. Docente universitario, per lungo tempo direttore del Pio istituto Gallini, ispiratore di innumerevoli innovazioni e iniziative nel campo dell’agricoltura, fondatore, oltre che del consorzio nel 1960, anche della strada del vino e dei sapori, a 95 anni suonati, il professore segue con attenzione quanto sta accandendo nel suo amato e sempre più bistrattato territorio.

Il candidato premier grillino Di Maio in provincia di Pavia. Ha visitato la cantina Terre d’Oltrepò

Una mattinata passata in cantina, tra gli impianti, ad incontrare gli agricoltori. Luigi Di Maio, il candidato premier del Movimento 5 Stelle, ha fatto tappa anche in provincia di Pavia nel corso del suo "rally" elettorale, com'è stato ribattezzato. Prima la visita al consigliere regionale Iolanda Nanni, da tempo ricoverata alla Maugeri per combattere un tumore, poi l'incontro con il presidente e i soci della cantina Terre D'Oltrepò di Broni.

Terre d’Oltrepò, 12 milioni di euro distribuiti ai soci

Nel corso degli ultimi due mesi la Cantina Terre d’Oltrepò ha distribuito ai soci più di 12 milioni di Euro, pagamenti vitali per il sostentamento delle imprese vitivinicole dell’Oltrepò specie in un’annata così difficile. Va inoltre sottolineato che per sostenere queste uscite la Cantina ha utilizzato le proprie forze. “In Terre siamo quasi tutti piccoli viticoltori, gente che sa bene cosa significhi lavorare in vigneto portando avanti un’azienda - afferma Andrea Giorgi, presidente di Terre d’Oltrepò - la nostra Cantina rappresenta quasi mille famiglie, viticoltori che non possono più sottostare al capriccio o all’interesse dei parassiti che fino ad oggi hanno vissuto sulle loro spalle”.

Terre d’Oltrepò, il bilancio torna in attivo

Si è riunito ieri sera il Consiglio d'Amministrazione di Terre d'Oltrepò per deliberare sul documento di bilancio da presentare alla prossima Assemblea plenaria già fissata per il 26 ottobre 2017, data nella quale l'organo più rappresentativo della Cantina voterà sia per il Bilancio, sia per il rinnovo delle cariche.

Gelo, agricoltura in crisi: delegazione UE attesa in Oltrepò

Broni. Anche una delegazione della Commissione agricoltura del parlamento europeo sarà in Oltrepò per verificare i danni provocati dal gelo. Lo ha annunciato l’europarlamentare Angelo Ciocca, che ha precisato che “in Italia, dall’entrata in vigore delle misure di sostegno sul rischio, migliaia di agricoltori hanno smesso di assicurarsi per le difficoltà burocratiche di compilazione delle…
Per saperne di più

Gelo sui vigneti: “come un terremoto”. Terre d’Oltrepò chiama la politica

Broni. "È stato come un terremoto". Terre d'Oltrepò, la più grande cantina sociale della Lombardia, chiede che "la politica si assuma le proprie responsabilità - ha detto il presidente Andrea Giorgi - di fronte a un evento imprevedibile e che causerà gravi ripercussioni sulla produzione di uve del 2017", attivando lo stato di calamità naturale. Sebbene la conta dei danni sia ancora in corso, la Sociale di Broni-Casteggio-Santa Maria lancia un appello all'associazionismo e alla politica: "ora è il momento di dimostrare la vicinanza agli agricoltori". In alcune zone di fondovalle di tutto l'Oltrepò la produzione potrebbe essere stata azzerata.