• Pavia:

Tag Archives : sindacati

Esuberi Moreschi, i sindacati propongono i prepensionamenti

Una trattativa difficile ma che sta andando avanti quella relativa ai 39 esuberi dichiarati dal calzaturificio Moreschi di Vigevano. L’azienda rimane sulle proprie posizioni, sia per quanto riguarda i numeri, sia per quanto riguarda le modalità. Dopo l’incontro di lunedì mattina fra dirigenza e sindacati, andato sostanzialmente a vuoto come già era stato due settimana…
Per saperne di più

In provincia di Pavia crescono morti e infortuni sul lavoro. I sindacati: “Servono controlli”

Nel solo mese di agosto sono stati una decina i casi. Il più grave è quello che ha portato alla morte del 32enne Marco Trambaiolo, travolto da una ruspa mentre lavorava all'interno dello stabilimento Sit di Mortara. Gli incidenti sul lavoro continuano ad essere un problema irrisolto in provincia di Pavia. I sindacati parlano di un bollettino di guerra e hanno ragione, perchè i dati diffusi nelle scorse settimane sono decisamente preoccupanti. A livello nazionale, le denunce per infortunio sul lavoro con esito mortale presentate all’INAIL, nel primo trimestre di quest’anno, sono state l’11,6% in più rispetto allo stesso periodo del 2017. In provincia di Pavia l’anno scorso sono stati denunciati 5.357 infortuni, il 7,2% in più dell’anno precedente, e di questi, ben undici sono stati infortuni mortali, contro gli 8 casi del 2016. Visto il trend, la prefettura ha deciso di istituire un ossservatorio provinciale per il monitoraggio del fenomeno, che si è già riunito nei mesi scorsi, con la partecipazione dei sindacati, delle associazioni di categoria, e dell’Azienda Sanitaria Territoriale, assieme a Inail, Inps e all'Ufficio Territoriale del Lavoro. L'obiettivo è definire azioni concrete per arginare il problema, riemerso con forza in queste ultime settimane. La prefettura punta su maggiori controlli per migliorare le condizioni di lavoro e per applicare le norme previste, ma anche per favorire le attività di formazione dei lavoratori. Proposte su cui i sindacati insistono da anni, convinti del fatto che nel 2018, in Italia, non si possa continuare a morire sui posti di lavoro.

Caso Maugeri, i sindacati occupano gli uffici della dirigenza

Lunedì l'incontro con i rappresentati politici del territorio, oggi l'occupazione -simbolica- degli uffici amministrativi della sede di Pavia. Continua la lotta dei dipendenti degli Istituti Clinici Maugeri, alle prese con una nuova crisi aziendale. Questa mattina sindacati e rsu si sono presentati di fronte all'ingresso della direzione generale e hanno inscenato una protesta per chiedere, nuovamente, il rispetto dell'accordo siglato nel dicembre scorso. La dirigenza della Maugeri, spiegano le parti sociali, oltre ad aver disdettato il contratto della sanità pubblica per passare a quello della sanità privata, non vuole riconoscere gli adeguamenti tabellari e gli arretrati economici relativi al triennio 2016-2018. Dopo aver occupato gli uffici e l'aula consiliare della palazzina amministrativa, la delegazione sindacale si è poi spostata nei reparti e nelle unità operative dove ha spiegato i motivi della protesta anche ai pazienti. Nei prossimi giorni, quando saranno conclusi tutti tentativi di conciliazione, partirà una richiesta di conciliazione nazionale indirizzata al presidente della Fondazione Maugeri, Gualtiero Brugger.

Maugeri, i sindacati proclamano lo stato di agitazione

E' ancora alta tensione tra dirigenza e dipendenti degli istituti clinici Maugeri. I sindacati nelle scorse ore hanno annunciato lo stato di agitazione. L'azienda, nell'incontro di lunedì pomeriggio, ha annunciato infatti di non voler pagare, agli infermieri, né gli arretrati, né gli adeguamenti salariali previsti dal nuovo contratto nazionale della sanità pubblica. Eppure, spiegano i…
Per saperne di più

Trasporti in titl il 20 marzo: tensione tra sindacati e Autoguidovie

E’ ancora braccio di ferro tra i sindacati ed Autoguidovie, il nuovo gestore del trasporto pubblico locale ed il prossimo 20 marzo sarà sciopero. Ad annunciarlo il delegato della cisl ai trasporti Marco Magnani, presente in mattinata ad un tavolo convocato in prefettura con tutti i soggetti interessati. Al centro del dibattito ancora una volta…
Per saperne di più

Piana ceduta ad OMR, sindacati chiedono un incontro urgente

È stata perfezionata oggi la cessione alla Omr della Piana Spa, l’azienda metalmeccanica stradellina che nei mesi scorsi è entrata in una crisi che faceva temere per il futuro degli oltre 70 dipendenti. Timori legati al mancato ritiro della procedura di mobilità che, però, i nuovi proprietari delle officine meccaniche righi di piacenza nel giorno dell’acquisizione formale, già peraltro ampiamente annunciata, hanno voluto smorzare. “Pensiamo al rilancio dell’azienda e al ripristino progressivo dei livelli occupazionali attuali” - ha spiegato la società – e in questo senso dovrebbero essere fondamentali le capacità dei lavoratori che già operano sui macchinari presenti. Anche perchè, sempre secondo l’azienda, per la Omr l’acquisto della Piana rappresenta un’operazione strategica che da una parte permetterà al gruppo di raddoppiare la capacità produttiva, dall’altra di completare la gamma dei prodotti da immettere sul mercato. Con l’acquisizione della Piana, le officine meccaniche righi potranno contare su 4 stabilimenti produttivi: oltre a quello di Stradella che fino ad oggi ha dato lavoro a 73 addetti (anche di più in passato), ci sono quelli di Castel San Giovanni, Borgonovo Valtidone e Gazzola, tutti nel piacentino e che occupano in totale 220 operatori.