• Pavia:

Tag Archives : partito democratico

Mezzabarba, il lungo elenco delle opere incompiute a Pavia

Dalla sistemazione di Palazzo Saglio alla nuova scuola Leonardo Da Vinci passando per l’area degli spettacoli viaggianti. Un lungo elenco di interventi messi in cantiere nel 2015 e poi mai realizzati. Basta scorrere il piano delle opere pubbliche del Comune di Pavia degli ultimi anni degli ultimi tre anni per notare progetti calendarizzati e poi fatti slittare di anno in anno, con ogni probabilità, ormai fino alla scadenza della consiliatura fissata per il 2019. Piccole o grandi opere mai realizzate. Il settore dei lavori pubblici, fino ad oggi, del resto si è concentrato su interventi di manutenzione di sistemazione di asfalti e marciapiedi. Ed allora il lungo elenco mette in evidenza almeno una dozzina di progetti rimasti solo sulla carta. A cominciare dalla nuova scuola media Leonardo Da Vinci, un intervento da oltre 6 milioni di euro. E poi una nuova palestra al PalaRavizza per un costo di 450mila euro. Senza dimenticare il nuovo accesso alla Vernavola o la ristrutturazione di Palazzo Saglio. E così si potrebbe proseguire ancora. Progetti messi nel piano delle opere pubbliche nell’ormai lontano 2015 e destinati ad accompagnare l’amministrazione alla fine di questa consiliatura.

Elezioni, il Pd pavese ha scelto per la Regione. Non senza polemiche

Il Pd pavese ha scelto, non senza polemiche, i suoi quattro candidati per il Pirellone ed ora sarà compito del piano regionale ratificare i nomi. Toccherà al consigliere uscente Giuseppe Villani e al commercialista vigevanese Pietro Carlomagno occupare le due caselle maschili mentre l’avvocato Manila Filella e Cristina Varesi, vicesindaco di Broni, saranno le quote…
Per saperne di più

Elezioni, il Pd scegli i suoi candidati

Tre incontri, uno per ciascuna zona della provincia, per parlare di candidature. Con le elezioni politiche e regionali calendarizzate il prossimo 4 marzo, il Partito Democratico ha messo in moto la grande macchina organizzativa. Ieri la prima assemblea nella sala San Martino di Tour di Pavia, mentre questa sera toccherà a Vigevano e domani a Voghera. Consultazioni convocate dal segretario provinciale Alberto Lasagna per condividere i nomi che dovranno rappresentare il partito al pirellone e a Roma. E di nomi, già ieri, ne sono usciti diversi. Al netto di incontri e consigli però, la rosa dei candidati sembrerebbe essere definita. In regione dovrebbe ripresentarsi il consigliere uscente Giuseppe Villani, forte di due legislature consecutive alla spalle. Assieme a lui gli altri papabili sono il commercialista vigevanese Pietro Carlomagno e per le donne Cristina Varesi di Broni e la vicepresidente della provincia Milena D’Imperio. Questa la squadra che dvorebbe sostenere la corsa del sindaco di Bergamo Giorgio Gori, candidato del PD per la guida di Regione Lombardia. Sulle candidature romane, a dispetto dei rumors, non dovrebbero esserci grandi sorprese con la riconferma degli uscenti Alan Ferrari e Chiara Scuvera alla Camera ed il ritorno dell’ex presidente della Provincia Daniele Bosone come candidato per un posto in Senato.

Il raddoppio della Milano-Mortara fa litigare PD e M5S

Il deputato PD Francesco Prina ottiene l'approvazione di un ordine del giorno che impegna il Governo a valutare la ricerca di finanziamenti per il raddoppio della linea ferroviaria Milano-Mortara. Provvedimento inutile perché non vincolante per il parlamentare del Movimento 5 Stelle Massimo De Rosa, che lo definisce "aria fritta".

Caso Furini, Calabrò (Pd): “Polizzi è un irresponsabile”

Il consigliere Polizzi è un irresponsabile. Non usa mezze misure il segretario cittadino del Pd Roberto Calabrò per commentare i fatti di lunedì sera in consiglio comunale. La spinta di Luigi Furini al rappresentante del Movimento 5 Stelle dopo che questi lo aveva appellato buffone durante la seduta. Un insulto, una provocazione, che ha scatenato la reazione scomposta del consigliere comunale del Partito Democratico, in seguito allontanato dall’aula.

Pavia, rissa in consiglio. Spintoni in Comune: Polizzi denuncia Furini

Le immagini, quasi sempre, sono meglio delle parole. Anche se quelle registrate lunedì sera, in consiglio comunale a Pavia, appartengono ad uno dei momenti più bassi della vita politica della città. In aula si sta discutendo della questione casa, la parola spetta a Giusppe Polizzi del Movimento 5 Stelle: nel chiedere qualche minuto in più per terminare il suo intervento, Polizzi fa riferimento al fatto che poco prima il consigliere del Pd Furini avesse a sua volta sforato i termini. I toni della richiesta non piacciono a Furini che prima urla qualcosa e poi spinge il collega, facendolo cadere. Un po' di confusione, poi Polizzi si rialza, chiede la sospensione dei lavori e l'intervento delle forze dell'ordine. Furini viene allontanato dall'aula e il presidente del consiglio comunale Antonio Sacchi chiede pubblicamente scusa per un gesto “moralmente inaccettabile". Nelle scorse ore Polizzi ha pubblicato su Facebook un lungo post nel quale spiega l'accaduto, precisando di non voler più tornare a parlare di un gesto "ingiustificabile e volgare", ma della battaglia che riguarda il diritto alla casa. Dopo l'allontanamento di Furini dall'aula, i capigruppo dei partiti di opposizione hanno chiesto la massima pena prevista dall’articolo 33 del consiglio comunale, ovvero 3 sedute di interdizione dai lavori. La decisione del presidente Antonio Sacchi verrà comunicata nella prossima seduta consiliare.

Il treno di Matteo Renzi a Mortara mercoledì sera

Il treno del segretario del Pd Matteo Renzi dovrebbe far tappa anche in provincia di Pavia. Il condizionale è d’obbligo visto che il programma del viaggio è pubblicato di giorno in giorno. Ma secondo quanto riferito da rappresentanti del Partito Democratico, il tour dell’ex premier, ribattezzato Destinazione Italia, potrebbe approdare a Mortara mercoledì sera con…
Per saperne di più