• Pavia:

Tag Archives : Neve

Passa la neve, ma le polemiche rimangono. Mozione in consiglio provinciale

La neve è passata, ma le polemiche restano. L'ondata di gelo della scorsa settimana ha causato diversi disagi sulle strade della provincia. Ora per gli automobilisti il problema non è più il ghiaccio, ma le buche, il pericolo numero uno per ruote e cerchioni. Del caso se ne discuterà anche nel prossimo consiglio provinciale, per il quale il consigliere provinciale Andrea Ceffa -in quota Lega- ha presentato un'interrogazione. Considerato che durante gran parte della giornata di giovedì 1 marzo praticamente tutti i tratti di strada provinciali versavano in condizioni estremamente critiche -si legge nel documento- si chiede al presidente della Provincia di conoscere le ragioni di questo pericoloso disservizio e come si pensa di intervenire per evitare che il problema si ripresenti. Il presidente Poma, in realtà, aveva spiegato che i disagi su alcuni tratti stradali erano stati causati da un errore nel calcolo del tempo di uscita dei mezzi. Ma considerato che, come detto, passata la neve rimangono le buche, la minoranza in consiglio ha anche preparato una mozione da fare approvare nel più breve tempo possibile. Si chiede, in questo caso, di devolvere il 50% degli introiti delle multe comminate dagli autovelox provinciali ai Comuni nei quali gli stessi velox sono installati. Un modo per sopperire ai mancati interventi di manutenzione da parte della Provincia, colpita duramente dai tagli voluti dal governo: nel 2016 l'ente aveva volutamente sforato il patto di stabilità proprio per appaltare entro l’anno i lavori su ponti e strade.11

Neve e ghiaccio: le strade sono un disastro. Poma: “Siamo intervenuti con tempi sbagliati”

Era prevista ed è arrivata puntuale, causando non pochi problemi ai tanti pendolari che ogni giorni si spostano sui mezzi pubblici o a bordo delle loro auto. La neve ha messo in ginocchio la viabilità nel Pavese e in alcune zone della Lomellina. Questa è la situazione attorno alle 9 del mattino sulla Vigentina a San Genesio, in direzione Pavia. Sui social i pendolari parlano di lunghe code per raggiungere il ponte di Bressana a causa delle difficoltà di alcuni camion nel salire la rampa di accesso, coperta di ghiaccio. Altri utenti raccontano di aver impiegato più di due ore per raggiungere il capoluogo dall'hinterland. La situazione cambia di poco per gli automobilisti diretti a Milano, anche qui, segnalate code e rallentamenti. Al di là della neve è proprio il ghiaccio a preoccupare di più e ad allungare a dismisura i tempi di percorrenza. Questa è la tangenziale di Pavia in una clip di Roberto Vai. In mattinata, ritardi e cancellazioni anche per i treni: non è andata molto meglio a chi si è affidato ai trasporti pubblici. E mentre a Pavia città le strade principali erano pulite e i problemi per il traffico ridotti, in Lomellina su diverse tratte neve e ghiaccio hanno causato più di un disagio agli automobilisti. Tra Sannazzaro e Pieve Albignola un camion cisterna è finito fuori strada, obbligando la polizia locale e i vigili del fuoco a bloccare la circolazione per le operazioni di soccorso.

Neve e gelo, già caduti 15 cm in Alto Oltrepò

Freddo, pioggia e neve dai 3-400 metri, in calo nella notte così come le temperature. L’ondata di gelo annunciata nei giorni scorsi dai meteorologi sta facendo il suo ingresso nel Nord Italia e anche in provincia di Pavia inizia a farsi sentire e la protezione civile ha emesso un’allerta gialla fino alle 24 di sabato…
Per saperne di più

Uno spruzzo di neve e i treni vanno in tilt, disagi per i pendolari

Di neve, in fondo, non ne è poi caduta molta. Solo qualche centimetro nel pavese, poco di più in provincia di Milano. Eppure, nonostante la situazione fosse tutt'altro che critica, è stata comunque una mattinata da incubo per i pendolari che ogni giorno devono prendere il treno per arrivare a lavoro. Questa è la situazione attorno alle 8 alla stazione di Pavia: regionali in ritado di un'ora, oppure sovraffollati, tanti disagi e pure qualche soppressione. Nemmeno l'S13, il passante che collega il nostro capoluogo a Milano Bovisa, ha garantito il servizio. Il treno delle 7.53 è stato cancellato e nel primo utile si viaggiava così, tutti in piedi e stretti come sardine. Stessa situazione praticamente ovunque in provincia, da Voghera -anche qui sui tabelloni si leggono i ritardi della stragrande maggioranza dei treni, a Vigevano, dove un treno è stato soppresso e i seguenti segnavano diversi minuti di ritardo. Risultato, pendolari ammassati su una banchina dimezzata e un inizio di settimana sicuramente da dimenticare.