• Pavia:

Tag Archives : maltempo

Nubrifragio a Pavia e nel Pavese: grandinata record e tanti dasagi. Ecco le immagini

Venti minuti di vera e propria tempesta, nuvole nere e chicchi grossi diversi centimetri che scendono dal cielo. Le immagini della forte grandinata che ha colpito Pavia e provincia fanno impressione. Un nubifragio ripreso e fotografato da tantissime persone che lo hanno poi pubblicato sui social network.
La grandinata è iniziata poco dopo le 15 di giovedì pomeriggio, con i chicci che in poco tempo hanno ricoperto le vie e i tetti della città. Una scena inusuale, quasi invernale verrebbe da dire. Secondo gli esperti, in dieci minuti sono caduti circa cinque centimetri di grandine, un evento anomalo visto il periodo. Il nubifragio ha causato anche danni e disagi a Pavia, sia sulle strade -con forti rallentamenti sulla tangenziale a causa del ghiaccio- che nelle abitazioni private, dove i vigili del fuoco sono dovuti intervenire per allagamenti di box e cantine.

Neve e ghiaccio: le strade sono un disastro. Poma: “Siamo intervenuti con tempi sbagliati”

Era prevista ed è arrivata puntuale, causando non pochi problemi ai tanti pendolari che ogni giorni si spostano sui mezzi pubblici o a bordo delle loro auto. La neve ha messo in ginocchio la viabilità nel Pavese e in alcune zone della Lomellina. Questa è la situazione attorno alle 9 del mattino sulla Vigentina a San Genesio, in direzione Pavia. Sui social i pendolari parlano di lunghe code per raggiungere il ponte di Bressana a causa delle difficoltà di alcuni camion nel salire la rampa di accesso, coperta di ghiaccio. Altri utenti raccontano di aver impiegato più di due ore per raggiungere il capoluogo dall'hinterland. La situazione cambia di poco per gli automobilisti diretti a Milano, anche qui, segnalate code e rallentamenti. Al di là della neve è proprio il ghiaccio a preoccupare di più e ad allungare a dismisura i tempi di percorrenza. Questa è la tangenziale di Pavia in una clip di Roberto Vai. In mattinata, ritardi e cancellazioni anche per i treni: non è andata molto meglio a chi si è affidato ai trasporti pubblici. E mentre a Pavia città le strade principali erano pulite e i problemi per il traffico ridotti, in Lomellina su diverse tratte neve e ghiaccio hanno causato più di un disagio agli automobilisti. Tra Sannazzaro e Pieve Albignola un camion cisterna è finito fuori strada, obbligando la polizia locale e i vigili del fuoco a bloccare la circolazione per le operazioni di soccorso.

Maltempo, la conta dei danni in Lomellina e nel Pavese

Conta dei danni per i temporali che ieri pomeriggio hanno interessato le parti occidentali e settentrionali della nostra provincia. Le forti piogge hanno colpito soprattutto Mede e Lomello, come possiamo vedere dalle immagini pubblicate da Facebook da alcuni cittadini. A sinistra vediamo corso Vittorio Veneto, la strada principale di Mede, che è finita sotto venti…
Per saperne di più

Maltempo, tromba d’aria a Mortara e grandine nel Pavese

Il maltempo di queste ore ha interessato anche il nostro territorio, con piogge e temporali che hanno interessato le parti settentrionali e occidentali della nostra Provincia. L’episodio più eclatante, ma anche quello che ha provocato meno danni, è stata la tromba d’aria che stiamo vedendo che si è formata alla periferia di Mortara. Problemi invece…
Per saperne di più

Il gelo è tornato: chiesto lo stato di calamità per le colture in Oltrepò

Casteggio. Prima il caldo, quasi estivo, che ha fatto germogliare anzitempo le viti, poi il gelo repentino, con temperature che in alcune zone di collina sono scese sotto lo zero. E le prossime notti, ci sarà chi accenderà i falò per tenere al caldo i germogli. C’è apprensione in Oltrepò per la sorte dei vigneti di fondovalle che la tramontana ha ricoperto di brina. In alcune zone si parla di danni anche fino all’80%, mentre in totale le coltivazioni colpite dalle gelate sarebbero circa il 15%: soprattutto pinot nero e pinot grigio.

A partire dal week end le temperature sono previste in graduale aumento, verso valori nella norma del periodo. E così, per limitare i danni delle ultime notti d'inverno, a Casteggio l’amministrazione comunale ha fatto sapere che in diverse zone agricole adiacenti ai vigneti potranno essere accesi fuochi controllati, per evitare che le temperature si abbassino troppo "senza suscitare – specifica la nota –ingiustificati allarmismi. Le forze dell'ordine sono state avvisate". Ma oltre che per i vigneti, c'è apprensione anche per le coltivazioni di cereali e di frutta: la Comunità montana dell’Oltrepò ha avviato la richiesta di stato di calamità naturale.