• Pavia:

Tag Archives : immigrazione

Vigevano, il Comune fa pagare più tasse a chi ospita i profughi

Le case affittate alle cooperative che ospitano richiedenti asilo saranno equiparate ad attività commerciali. Il provvedimento è stato approvato in consiglio comunale, Vigevano è uno dei primi casi a cambiare in questo senso il regolamento sugli oneri di urbanizzazione. Finora gli spazi per l’accoglienza erano considerati residenziale, d’ora in poi passeranno invece a commerciale: i…
Per saperne di più

Veniva da Mortara l’autore del femminicidio di Mineo

Arrestato mentre aspettava che qualcuno gli desse dei soldi per comprare il biglietto dell’autobus e incominciare il viaggio di ritorno verso Mortara. Emergono ulteriori dettagli sul femminicidio avvenuto la sera del primo gennaio al Cara di Mineo, la struttura che ospita migranti nel catanese. Lì Bill Francis, maliano di 30 anni, ha ucciso la moglie Miracle, 26enne, tagliandole la gola con un coltello da cucina. Bill Francis era in provincia di Pavia da oltre tre mesi, ospitato nei centri per richiedenti asilo, anche se formalmente non aveva fatto domanda per il riconoscimento dello status di rifugiato. Era stato prima a Godiasco, e poi dalla fine di novembre a Mortara. Da lì se ne era andato senza lasciare informazioni poco prima di Natale. Cosa sia successo dopo, purtroppo, lo stanno appurando le indagini della polizia: Bill Francis è andato a cercare la moglie, trovandola al Cara di Mineo insieme ai loro figli di sei e otto anni. Voleva convincerla a seguirlo a Mortara e poi a scappare all’estero, ma lei non voleva: di fronte al rifiuto l’ha uccisa. L’uomo ha quindi cercato di fare ritorno al nord in autobus, ma, come detto, è stato arrestato dalla polizia a Catania. Nell’udienza di venerdì il Gip di Catania ne ha convalidato il fermo, emettendo un’ordinanza per omicidio volontario aggravato. Il provvedimento dovrà essere confermato entro 20 giorni dal Gip di Caltagirone, competente per territorio.

Voghera, preoccupazione per i migranti in attesa di giudizio fuori dalle strutture

Voghera. C’è preoccupazione, in città e non solo, per la possibile espulsione di alcune decine di migranti da alberghi e strutture di accoglienza. La questione, alla base delle proteste scoppiate a Mortara a febbraio, è la seguente.

All’arrivo in Italia il migrante viene inserito nel sistema dell’accoglienza e avvia la richiesta di asilo. Se la domanda viene respinta da un'apposita Commissione, può chiedere, in secondo grado, che si esprima nuovamente il tribunale. Se anche qui la domanda viene rigettata, si va al terzo grado di giudizio. Se, ancora, la richiesta non è dichiarata legittima, dovrebbe scattare l’espulsione dal territorio nazionale. Fino a quel momento però alla persona viene garantita l'accoglienza. Secondo recenti disposizioni però, dopo il secondo no, i richiedenti asilo non hanno più diritto a ricevere aiuti e devono uscire dalle strutture e arrangiarsi nell’attesa del risposta definitiva.

Al netto di ricorsi, cavilli e sospensive già annunciati da alcune realtà del terzo settore, nel giro di qualche mese a Voghera - come nel resto della provincia - potrebbero esserci dunque decine di persone in queste condizioni. E il loro numero non potrà che crescere e c’è chi teme ulteriori tensioni sociali e problemi di ordine pubblico. Intanto, sempre sul fronte immigrazione, dell’arrivo di altri richiedenti asilo a Voghera, dato quasi per certo in campagna elettorale dal rieletto sindaco Barbieri, non si è più saputo nulla.

“Esame di italiano superato”, ma non riuscivano a farsi capire: scoperto giro di falsi certificati per avere il permesso di soggiorno

Erano finiti anche all’ufficio immigrazione della Questura di Pavia i falsi certificati di conoscenza dell’italiano prodotti da un’insegnante della provincia di Cuneo, arrestata dalla polizia per falso ideologico e reati connessi all’immigrazione. La donna era riuscita a falsificare dei certificati di frequenza e superamento esami di una scuola di italiano. La conoscenza della lingua è…
Per saperne di più

Minori non accompagnati: i numeri in Provincia di Pavia

Oltre 12 mila in tutto il Paese, 807 in Lombardia e 95 in Provincia di Pavia. Tre numeri, frutto della ricerca condotta dall’osservatorio provinciale immigrazione, per raccontare il fenomeno dei minori stranieri non accompagnati. Un tema che, soprattutto negli ultimi mesi, ha occupato le cronache ed il dibattito politico del capoluogo. "Ma non chiamatela emergenza"…
Per saperne di più