• Pavia:

Tag Archives : gianni fava

Un marchio per rilanciare l’Oltrepò Pavese

E' stata avanzata l'idea, abbracciata un po' da tutti, pubblico e privato, di un marchio che intenda raggruppare le eccellenze, non solo enogastronomiche, dell'Oltrepò Pavese. A promuoverlo è stata la Strada del Vino e dei Sapori dell'Oltrepò. Presentate anche una serie di iniziative promozionali finanziate da un'operazione di crowdfunding.

Fava escluso dalle regionali, protestano gli agricoltori

Dopo la levata di scudi delle associaizioni, ora anche gli agricoltori dell’Oltrepo fanno sentire la propria voce sul caso dell’estromissione dell’assessore lombardo Gianni Fava, silurato dalla segreteria mantovana della Lega per presunte divergenze politiche con il leader Salvini. Intanto, a Mantova come a Pavia, sui social il dibattito continua, e Fava incassa l’appoggio anche di amministratori come l’assessore all’agricoltura del comune di Casteggio Milena Guerci.

Elezioni, Fava escluso: alzata di scudi dell’Oltrepò del vino. “Non è stato premiato il merito”

L’assessore all’agricoltura Gianni Fava sarà fuori dalle corse per la Lombardia e per il parlamento. È quanto emerso al termine del direttivo della Lega nord dell’altra sera tenutosi l’altra sera a Mantova, provincia da cui proviene Fava. Ebbene nell’elenco dei 26 possibili candidati non figura l’attuale assessore. C’è chi parla di divergenze con la linea dettata dal leader Salvini, che vuole un partito più nazionale e meno padano, o chi come il segretario mantovano Carra più semplicemente di un normale processo di rinnovamento dettato dai vertici nazionali. Fatto sta, che a Mantova come a Pavia, l’estromissione di Fava ha fatto storcere il naso a tanti nel comparto economico e agricolo in particolare. Nella città dei Gonzaga la levata di scudi è stata quasi unanime, da Confindustria alle tre organizzazioni agricole Cia Coldiretti e Confagricoltura fina alla camera di commercio tutti si dicono in disaccordo con il siluramento del politico deciso dalla segreteria provinciale. Un sentimento simile, con prese di posizione nette a difesa di Fava, sta emergendo anche nell’Oltrepo del vino con cui il politico si è confrontato molto spesso.

Anche l’Oltrepò vuole il suo Vinitaly: spunta l’ipotesi enoteca regionale

Anche l’Oltrepo vuole il suo Vinitaly, ma tra il dire e il fare c’è di mezzo il...campanile. Dopo che Casteggio ha sospeso la sua fiera, Oltrevini, in attesa di capire meglio il da farsi, si è riacceso il dibattito attorno alla possibilità di realizzare un unico evento in cui far convergere forze e risorse del territorio. Tutti i comuni principali dell’asse della via Emilia, da Voghera a Casteggio fino a Broni e Stradella, in teoria, sarebbero d’accordo.

Ma è per definire il come, quando e dove che occorre lavorare per trovare un punto d’incontro. Lasciando da parte i modi e i tempi, sul luogo è recentemente emersa una proposta che, sempre in teoria, potrebbe mettere tutti d’accordo. Un campo quasi neutro, per non scontentare nessuno, creato apposta con ingenti investimenti pubblici per promuovere il territorio: l’enoteca regionale di Broni. L’idea, emersa recentemente, ha incassato subito l’appoggio del padrone di casa, Regione Lombardia, con l'assessore Gianni Fava.

Fava