• Pavia:

Tag Archives : Fanghi da depurazione

Limiti sui fanghi, è finita l’emergenza per i depuratori

La fase di emergenza per i depuratori della Lombardia è alle spalle. Su questo sono d’accordo sia la Regione che le aziende che si occupano del trattamento fanghi. La norma “Gava-Lucchini” contenuta nel decreto Genova ha risolto lo stallo che si era venuto a creare dopo che il Tar aveva accolto il ricorso dei comuni smantellando la normativa regionale e portando il settore a trovarsi momentaneamente senza regole. “Uno stallo che ha causato ripercussioni enormi alle aziende che recuperano queste biomasse, alle aziende locali che le distribuiscono (i terzisti), alle aziende agricole disorientate da quanto accaduto e, soprattutto, alle aziende che operano nel settore della depurazione delle acque”, ha sottolineato Michela Allevi, dell’omonima azienda agricola di Ferrera Erbognone. “I lavori – prosegue Allevi – dovranno proseguire per elaborare proposte in tempi brevi che orientino il sistema verso soluzioni strategiche di lungo periodo capaci, ce lo auguriamo anche noi aziende, di assicurare tranquillità ai Comuni e ai cittadini”. L’assessore regionale Raffaele Cattaneo guarda al futuro e si pone l’obiettivo perché “una parte consistente delle oltre 800 mila tonnellate di fanghi prodotti annualmente in Lombardia venga indirizzata ad altri usi che non riguardino soltanto il settore agricolo, come la termovalorizzazione, la produzione di laterizi o la trasformazione energetica”. L’inserimento della norma Gava-Lucchini nel decreto Genova ha suscitato polemiche a livello nazionale, in quanto molti hanno sostenuto che va di fatto a innalzare i limiti per la presenza di idrocarburi nei fanghi. Il ministro dell’ambiente Sergio Costa è intervenuto con un comunicato, specificando che sul tema c’era un vuoto legislativo, e che il limite attuale di 1 grammo a metro cubo era già stato ipotizzato dal suo predecessore Gian Luca Galletti. Costa ha inoltre annunciato che il ministero sta lavorando a un nuovo decreto con criteri più stringenti.

Svolta fanghi, ok al decreto Genova che sblocca l’emergenza. Lucchini: “Un passo fondamentale”

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale è entrata in vigore la cosiddetta norma Gava-Lucchini sui fanghi, che risolve l’emergenza causata dalla sentenza del Tar con cui si annullava gran parte della normativa regionale, causando un vuoto legislativo che ha gettato nel caos il settore dello spandimento in agricoltura e di conseguenza il ciclo di funzionamento dei depuratori, i cui scarti venivano appunto ritirati dalle aziende di trattamento fanghi. La norma fa parte del pacchetto del decreto Genova, e compare nel capo V dal titolo “ulteriori interventi emergenziali”, all’articolo 41. Nella norma si precisa che continuano a valere, in via generale, i parametri della legge del 1992, specificando però un nuovo limite per il contenuto di idrocarburi, pari a un grammo per chilo, ossia dieci volte meno la quantità prevista dalla legge regionale poi bocciata dal Tar. Un primo paletto per tornare a utilizzare gli scarti dei depuratori come fanghi per agricoltura, in attesa di una revisione della normativa di settore.

La nuova frontiera dei fanghi: saranno smaltiti negli inceneritori

In questi giorni, i più torridi dell’anno, le temperature negli uffici dell’assessorato regionale all’ambiente sono ancora più alte di quelle registrate sotto al sole a mezzogiorno. Si susseguono, infatti, febbrili, i lavori e gli incontri per risolvere l’emergenza depuratori che sta andandosi a delineare dopo la sentenza del Tar con cui si annulla gran parte…
Per saperne di più

Fanghi, i Comuni scrivono al ministero dell’Ambiente

Dopo la vittoria in tribunale, con la bocciatura della delibera regionale che prevedeva l'innalzamento dei livelli di idrocarburi nei fanghi in agricoltura, i sindaci del pavese e del lodigiano sono tornati a incontrarsi. Non per celebrare la vittoria giudiziaria, ma per fare il punto della situazione sulle iniziative future. I comuni stanno aspettando l'esito di altri due esposti, alla corte Europea e alla procura di Pavia, e hanno contattato il ministero dell'Ambiente per rivedere la normativa nazionale in materia.

Ricorso sui fanghi, il Tar dà ragione ai Comuni

I comuni, alla fine, hanno vinto. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia ha accolto il ricorso contro la delibera regionale che ha innalzato i valori limite delle concentrazioni di idrocarburi e fenoli nei fanghi per l'agricoltura. I giudici del Tar hanno sottolineato che "il provvedimento regionale è intervenuto in materia di tutela ambientale, riservata…
Per saperne di più