• Pavia:

Tag Archives : Confindustria Pavia

Confindustria promuove le eccellenze tecnologiche

«L’industria è la soluzione per la prosperità sociale e la sostenibilità e, con questa giornata dell’innovazione, Confindustria Pavia vuole accendere i riflettori sulle imprese innovative pavesi, un tessuto produttivo forse meno conosciuto ma con tante eccellenze». Con queste parole Nicola de Cardenas, presidente di Confindustria Pavia, aprendo i lavori della Pavia - Technology and Innovation Conference, che si è tenuta oggi presso l’Antico Borgo della Certosa (Certosa di Pavia). «La nostra associazione ha voluto fortemente questo appuntamento per far conoscere le eccellenze dell’innovazione di questo ecosistema». Sul palco si sono avvicendati Fabio Rugge, rettore dell’Università di Pavia, Roberto Cingolani, direttore dell’Istituto italiano di tecnologia, Fabio Benasso, Presidente e Ceo di Accenture Italia (membro dell’advisory board di Confindustria Pavia), e Gianluigi Viscardi, Presidente del Digital Innovation Hub Lombardia. Inoltre, moderati da Massimo Sideri, direttore di Corriere Innovazione, sono intervenuti importanti esponenti dell’imprenditoria pavese.

Svolta per il castello di Vigevano. Centinaio: “Passi al Comune”

Il ministro del Turismo Gian Marco Centinaio rilancia sul passaggio al comune della proprietà del castello di Vigevano. Nonostante infatti sia stato il comune, negli anni, ad accollarsi importanti investimenti, gestione di progetti e ricerche fondi per i restauri, la proprietà del castello è del demanio. La gestione degli spazi (alcuni di competenza quasi esclusivamente comunale e altri invece totalmente statali) è sempre oggetto di trattative, con la conseguenza che la convivenza, nonostante i pur ottimi rapporti tra le istituzioni, rende difficoltoso elaborare un piano unitario per il futuro. Di come gestire il castello si è parlato in un convegno organizzato dalla camera di commercio, in cui si sono avanzate proposte per fare coesistere spazi strettamente culturali con iniziative private. Ogni progetto per il futuro, secondo il ministro, deve però partire dalla proprietà unica in capo al comune.