• Pavia:

Tag Archives : Casteggio

Sigilli al compro oro del presunto basista di Casteggio

Nonostante per bocca del suo avvocato continui a professarsi innocente, per Stefano Sozio, il presunto basista delle gang che hanno messo a ferro e fuoco le colline dell’Oltrepo con continui furti, i lucchetti della cella di Pavia restano chiusi e anzi, la questura dato corso alla revoca della licenza del compro oro di Casteggio di…
Per saperne di più

Altri sei colpi addebitati alla banda di banditi dell’Oltrepò

Nuovi sviluppi nell’operazione denominata “Vampiri” messa in atto dai carabinieri, con gli uomini della compagnia di Stradella che hanno condotto ulteriori accertamenti sulla banda che aveva scatenato il terrore specialmente in Oltrepò collinare mettendo in atto innumerevoli furti in abitazioni e ditte. Intanto è partita la procedura con cui si propone la revoca della licenza…
Per saperne di più

Arrestato il basista di Casteggio: informava i ladri dove andare a rubare

“Rientrate in Italia, c’è da andare a rubare in quella villa”. A parlare è Stefano Sozio, agente immobiliare casteggiano di 39 anni con la passione per la bella vita. All’altro capo del telefono alcuni pregiudicati romeni, temporaneamente rientrati in patria. Le intercettazioni dei carabinieri lasciano poco spazio ai dubbi, ma per gli abitanti di Casteggio…
Per saperne di più

Spara al ladro, le reazioni della gente. “Tutte le sere c’è un furto”

Mentre migliorano le condizioni del ladro ferito, ancora ricoverato al San Matteo in osservazione, emergono nuovi dettagli sulla vicenda accaduta a Casteggio e che sta tenendo banco nelle ultime ore. L’autotrasportatore 56enne Antonio Bonfiglio, che martedì sera ha sparato a un uomo incappucciato nella sua proprietà, era già stato visitato altre 3 volte dai ladri negli ultimi anni. Intanto la gente si lamenta a gran voce: "Non ne possiamo più dei ladri, ogni sera c'è un furto. Vogliamo sicurezza"

Binario rotto, si è rischiata la strage. Indaga la Procura a Casteggio

Poteva andare, molto, molto peggio. A neanche un mese di distanza dal deragliamento di Pioltello che ha provocato tre vittime e 50 feriti, emerge un altro caso inquietante sulle condizioni delle linee ferroviarie lombarde. La notizia è trapelata solo nelle scorse ore anche se la scoperta risale a sabato sera scorso, 17 febbraio, quando il macchinista del regionale 20393 partito da Voghera e diretto a Piacenza, arrivato nei pressi della stazione di Casteggio ha lanciato l’allarme. L’operatore ha raccontato di aver sentito un colpo secco e memore di quanto accaduto il 25 gennaio, non si è fermato a una semplice segnalazione. È sceso per controllare e ha notato un binario spezzato di netto e due traversine rotte. Erano circa le 19.45. La tratta è stata immediatamente chiusa e lo è rimasta fino alle 22.35 per consentire un intervento di messa in sicurezza da parte dei tecnici di Rete ferroviaria italiana. Sul posto sono arrrivati anche gli agenti della Polizia ferroviaria con i colleghi della squadra Scientifica. L'ipotesi più probabile al momento è quella di un cedimento del terreno sotto i binari che quindi ha provocato la rottura delle traversine in cemento e del binario stesso. I controlli sulla stazione e sui binari secondo RFI sarebbero attenti e costanti. Il rapporto della polizia già consgnato alla procura di Pavia dirà se l’usura dei dispositivi era in linea con le norme di manutenzione.

Casteggio, anziana minacciata con l’accetta. Trova il ladro in casa

Ennesimo fatto di cronaca sulle colline di Casteggio dove nelle settimane scorse sono stati segnalati diversi episodi di microcriminalità ai danni di cittadini. L’ultimo, in ordine di tempo, risalirebbe ai giorni di Natale quando una donna residente alla frazione Casa Castellini a pochi chilometri da Casteggio è stata minacciata con un’accetta tra le sue mura…
Per saperne di più

Assalti ai caselli autostradali, due in manette e 10 denunce

Avevano derubato oltre trenta caselli autostradali del nord Italia, facendo razzia di banconote e monetine per decine di migliaia di euro. Ma sono stati scoperti e arrestati al termine di una brillante indagine della Polstrada di Torino ma coordinata dalla procura di Pavia. A finire in manette sono stati un 48enne residente nel campo nomadi di Asti e un 21enne sempre residente nell’astigiano. L’indagine è stata infatti avviata la scorsa estate a seguito della prima spaccata, commesso presso la barriera autostradale di Casteggio dell’autostrada A21 Torino-Piacenza e ha portato all’individuazione di un nutrito gruppo di persone di origine rom che vivono in insediamenti presenti tra Torino, Asti e Genova. Oltre ai due arrestati, sono state denunciate altre 8 persone ritenute corresponsabili dei furti, che – secondo gli inquirenti - agivano con regolarità attraverso un consolidato "modus operandi". A bordo di una o più auto rubate per l’occasione o intestate a prestanome italiani, i malviventi arrivavano nei pressi dei caselli e col a volto coperto da passamontagna bloccavano l’accesso delle corsie di uscita prese di mira, forzavano le porte di accesso e infine a portavano via le casse con tutto il denaro. A furto consumato, abbandonavano i mezzi rubati e, a bordo di veicoli “puliti” facevano ritorno presso le rispettive dimore. In totale avrebbero commesso almeno 30 furti sulle autostrade di Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto ed Emilia Romagna.