• Pavia:

Tag Archives : carabinieri

Breme, fermati mentre rubavano le rinomate “cipolle rosse”

C’è chi va a comprarsi i sacchi di cipolle di Breme direttamente sul posto, c’è chi preferisce gustarsi le specialità cucinate durante la sagra, c’è chi invece procede al self-service, ma in maniera illegale. Due persone sono state denunciate per furto di cipolle di Breme. Si tratta di due pregiudicati, nullafacenti, uno di 52 anni,…
Per saperne di più

Rapine e furti nel nord Italia: la gang aveva la base in Oltrepò. Sono 23 gli arresti

L'operazione è stata ribattezzata "Vampiri" tanta era la loro sete di denaro. I carabinieri della compagnia di Stradella hanno smantellato la banda responsabile della lunga serie di furti e rapine commessi nell'ultimo anno e mezzo in Oltrepò. Sono 23 le persone finite in manette: 18 di loro si trovano ora in carcere, 3 ai domiciliari e 2 sono stati sottoposti all’obbligo di dimora. Le accuse, a vario titolo, sono di associazione per delinquere, rapina, furto, ricettazione e porto abusivo di armi. Altre 11 persone sono invece accusate di ricettazione, perchè avevano acquistato parte della refurtiva, ben sapendo che si trattava di oggetti rubati. I carabinieri hanno accertato ben 132 episodi, tra furti e rapine, commessi soprattutto in Oltrepò, tra Canneto Pavese, San Damiano al Colle, Castana, Santa Maria della Versa e Casteggio, ma la banda si spingeva spesso anche fuori provincia, nel piacentino, in Brianza, a Brescia e Cuneo. I 23 arrestati sono di nazionalità albanese, moldava, romena e kosovara, ma il loro punto di riferimento era un insospettabile cittadino di Casteggio, titolare di un compro oro e di un’agenzia immobiliare, che non solo faceva da ricettatore, ma spesso indicava gli obiettivi da colpire e commissionava furti di oggetti di valore, come alcune bici da corsa professionali. Nel corso dell’operazione sono state eseguite anche diverse perquisizioni domiciliari che hanno permesso di ritrovare buona parte della refurtiva: si stima che il valore della merce rubata dalla banda superi il milione di euro.

Arrestato il basista di Casteggio: informava i ladri dove andare a rubare

“Rientrate in Italia, c’è da andare a rubare in quella villa”. A parlare è Stefano Sozio, agente immobiliare casteggiano di 39 anni con la passione per la bella vita. All’altro capo del telefono alcuni pregiudicati romeni, temporaneamente rientrati in patria. Le intercettazioni dei carabinieri lasciano poco spazio ai dubbi, ma per gli abitanti di Casteggio…
Per saperne di più

Armi illegali sequestrate in Polonia: perquisizioni anche a Pavia

Perquisizioni e sequestri anche in provincia di Pavia nell'ambito della maxioperazione della Polizia di stato ribattezzata "Lethal Weapon", ovvero arma letale. Gli investigatori di 48 Squadre Mobili di tutta Italia sono entrati in azione nelle scorse ore per sgominare il traffico di armi illegali importate della Polonia. Sono 80 le persone al momento indagate per "acquisto di armi per corrispondenza" e per "detenzione illegale di armi clandestine". In pratica gli acquirenti acquistavano fucili e pistole ad aria compressa con potenza superiore a 7,5 joule, considerate quindi, a tutti gli effetti, armi da fuoco. L'indagine è partita nel settembre del 2016, quando gli uomini della Squadra Mobile e della Sezione Polizia Postale di Enna fermano un uomo accusato di aver acquistato della merce su internet pagando con carte di credito clonate. Tra la merce sequestrata i poliziotti trovano un fucile ad aria compressa calibro 22, con tanto di munizioni e un cannocchiale di precisione: l'arma, con una potenza di 27 joule, era stata acquistata da una società con sede in Polonia e introdotta in Italia illegalmente. Dopo la perquisizione, la procura della Repubblica di Enna si rivolge all'autorità giudiziaria polacca per risalire ai nomi delle altre persone che avevano acquistato armi dalla stessa ditta. Nelle scorse ore sono scattate altre 78 perquisizioni che hanno permesso di identificare oltre 90 persone e sequestrare 92 armi, tra fucili e pistole. Le indagini ora proseguono per capire se le armi risultino catalogate e verificate nell'apposito catalogo nazionale.

Furto di quadri a Monza, arrestato un vigevanese

C'è anche un vigevanese di 62 anni tra le cinque persone arrestate dai Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale. La banda, composta da quattro italiani un croato, sarebbe responsabile del clamoroso furto di due quadri, un Rubens e un Renoir, per un valore di 26 milioni di euro, avvenuto a Monza il 20 aprile dello…
Per saperne di più

Si ribalta con l’auto a Pieve del Cairo: muore un direttore di banca

La macchina che sbanda e si ribalta più volte, in una carambola impazzita, prima di fermarsi a lato della strada. All'esterno, il corpo immobile del guidatore. Drammatico incidente nel pomeriggio di oggi, attorno alle 14, sulla provinciale 211, a poca distanza da Pieve del Cairo. A perdere la vita nello schianto un uomo di 55 anni, Fabrizio Varni, direttore della filiale della banca popolare di Milano e residente in Oltrepò. La donna che viaggiava con lui, una 47enne, è rimasta ferita in modo grave. La dinamica dell'incidente è ancora al vaglio delle forze dell'ordine. Secondo una prima ricostruzione il 55enne alla guida della Mini Countryman avrebbe perso il controllo dell'auto che ha iniziato a sbandare, ribaltandosi più volte. Varni è stato proiettato fuori dall'abitacolo ed è atterrato pesantemente al suolo, morendo sul colpo. La donna è rimasta invece incastrata nelle lamiere per diversi minuti. Gli automobilisti che hanno assistito alla scena hanno subito chiamato il 118. Sul posto sono arrivate due ambulanze e l'elisoccorso, oltre ai carabinieri e ai vigili del fuoco di Mede. Sono stati proprio i pompieri a liberare la donna, in seguito trasportata con l'elicottero al pronto soccorso del policlinico San Matteo di Pavia. Le sue condizioni rimangono critiche. La strada è rimasta chiusa per diverse ore per consentire a medici e vigili del fuoco di ultimare le operazioni di soccorso e la messa in sicurezza della carreggiata. La circolazione è tornata alla normalità solo in tarda serata.

Tampona un’auto e fugge: denunciato un 40enne

Aveva tamponato un'auto vicino alla rotonda del Bennet di San Martino, ma era poi fuggito senza prestare soccorso nonostante l'altro conducente fosse rimasto ferito. Il pirata della strada, un imprenditore di 40 anni residente a Sannazzaro de' Burgondi, dopo l'incidente si era allontanato riuscendo a far perdere le proprie tracce, ma gli agenti della polizia…
Per saperne di più

Cura Carpignano, arrestato per violenza sessuale ad una prostituta

I carabinieri lo hanno arrestato domenica pomeriggio, nella sua abitazione di Cura Carpignano. L'uomo, Giuseppe Viscatale De Losa, 45 anni, è accusato di violenza sessuale. I militari sono arrivati a lui dopo la denuncia di una giovane prostituta di 20 anni, aggredita a Milano in via Salmoiraghi, zona Fiera. Secondo quanto raccontato dalla ragazza il…
Per saperne di più

Violento scippo a Vigevano: vittima una donna di 53 anni

Continua l’allarme sicurezza a Vigevano. Dopo l’episodio di domenica pomeriggio in via del Carmine, con una rissa terminata a colpi di coltello con cui due stranieri hanno devastato un negozio di riparazioni informatiche, a distanza di qualche ora arriva la notizia di un violento scippo di cui sarebbe stata vittima una donna di 53 anni.…
Per saperne di più