• Pavia:

Tag Archives : ambiente

Ambiente, il Prefetto di Pavia istituisce l’anagrafe dei siti a rischio

Il prefetto di Pavia Attilio Visconti ha dato avvio alla fase 2 del progetto di monitoraggio ambientale in provincia. Nasce infatti l’anagrafe dei siti a rischio per lo sversamento dei rifiuti. Dopo aver censito tali siti, infatti, la fase successiva sarà incentrata sulla individuazione dei legittimi proprietari che saranno chiamati ad approntare tutte le misure necessarie…
Per saperne di più

Vigevano-Malpensa: ricorso al Tar contro l’ok al progetto

La Città Metropolitana di Milano e il Parco Agricolo Sud Milano hanno inoltrato ricorso al TAR contro la decisione del CIPE di procedere con il progetto della strada Vigevano-Malpensa. E’ la stessa Città Metropolitana a comunicarlo con una nota. “Con rammarico dobbiamo constatare che il tentativo della Città Metropolitana di Milano di proporre soluzioni alternative…
Per saperne di più

Discarica di amianto, l’azienda ribatte ai sindaci: “Basta illazioni. Qui è tutto regolare”

“Basta illazioni, stiamo procedendo secondo le regole e non abbiamo avuto bisogno di alcuna deroga”. La società Acta, che sta costruendo la discarica per il cemento-amianto a Ferrera Erbognone, ha deciso di rispondere in maniera decisa con un comunicato dai contenuti aspri ai comuni che nei giorni scorsi avevano inviato la richiesta di un parere tecnico e legale a varie istituzioni, dopo la sconfitta al Tar in merito al ricorso contro le autorizzazioni ambientali. A far sentire la loro voce erano stati i comuni di Sannazzaro, Ferrera, Scaldasole, Mezzana Bigli e Galliavola, i quali insistevano su tre punti: la scelta la terreno dove insediare la discarica, il rischio connesso a eventuali incidenti nell’adiacente raffineria e infine la possibilità che nel sito venissero stoccati dei rifiuti speciali. “L’impianto ha già avuto un iter completo ed approfondito per ogni aspetto evidenziato dai Comuni”, esordisce l’amministratore delegato di Acta Francesco Minghetti, che poi risponde punto per punto. “È falso affermare che l’autorizzazione integrata ambientale sia stata rilasciata in deroga – prosegue Minghetti – in quanto la localizzazione risponde ai severi criteri del piano Regionale Rifiuti e della Direttiva Nazionale sulle discariche. La vicinanza alla raffineria è anzi un elemento rafforzativo, in quanto si tratta di territorio già pesantemente condizionato e non utilizzabile per altre attività. I possibili incidenti in raffineria, inoltre, non avrebbero nessuna conseguenza con l’area della discarica, e se ne è avuta prova pratica dopo l’incendio dell’impianto Est del dicembre 2016, che non ha assolutamente intaccato il posto dove sarà sistemato il cemento amianto”, dice ancora l’amministratore delegato di Acta, che poi attacca i sindaci: “E’ capzioso ed assurdo – dice – quanto sostenuto dai sindaci in merito all’incidente. Essi, ben conoscendo l’ininfluenza di quanto accaduto sulla realizzazione della discarica, lo invocano strumentalmente, senza peraltro preoccuparsi della gestione della raffineria”. Il comunicato di Acta si conclude ribadendo che nella discarica verrà conferito solo materiale da costruzione contenente amianto, e portare avanti il sospetto che a Ferrera possano arrivare altri tipi di rifiuti viene definita una “scorrettezza” e “un’illazione”.

Traffico illecito di rifiuti in provincia, arrestate nove persone

Diciannove provvedimenti, tra arresti e denunce, 9 impianti e oltre 2 milioni di euro sequestrati. E' il bilancio della maxi operazione scattata questa mattina che ha smantellato un'associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti e alla creazione di discariche abusive. I carabinieri Forestali dei gruppi di Milano e Pavia hanno arrestato nove persone,…
Per saperne di più

Trovata una discarica grande come due campi da calcio nel Pavese

Carcasse di autovetture, contenitori con residui di solventi e acidi, lastre di eternit e componenti elettronici: una vera e proprio discarica abusiva scovata nelle scorse ore a Bornasco, precisamente località Fornace. Una scoperta resa possibile da una segnalazioni delle Gev, le Guardie Ecologiche Volontarie della Lombardia. Sul posto si sono recati uomini della Compagnia Carabinieri di Pavia e del Dipartimento dell’ARPA di Pavia che hanno constatato la presenza di numerosi rifiuti, pericolosi per la salute. Dopo una prima stima eseguita sul posto dagli ispettori di Arpa, si pensa che il volume complessivo dei rifiuti rinvenuto nei pressi di Bornasco sia superiore ai 20mila metri cubi. Al momento dei controlli sull’area, dell’ampiezza di circa 15mila metri quadrati, le forze dell’ordine hanno inoltre riscontrato la presenza di un cittadino romeno di 52 anni. E non solo. Gli uomini dei carabinieri e di Arpa hanno trovato due cani all’interno di una struttura, in pessime condizioni igieniche a causa dell’ingente quantità di rifiuti. L’intera discarica abusiva è stata posta sotto sequestro e la vicenda segnalata alla Procura della Repubblica di Pavia per gli approfondimenti del caso.