• Pavia:

Archivi categoria : Politica

Vigevano, la notte della maggioranza: Md non passa, poi Lega battuta sulle mense

Serata difficile in consiglio comunale per la maggioranza guidata dal sindaco Andrea Sala. I consiglieri di Gruppo Civico e Grande Vigevano annunciano il passaggio all'opposizione. Il progetto per il market Md al Cascame non ha i voti per essere approvato (ma potrà essere ripresentato), mentre arriva una clamorosa sconfitta per la Lega sulla questione delle mense scolastiche.

Il caso del supermercato Md al Cascame è l’innesco di una importante fuoriuscita dalla maggioranza in consiglio comunale a Vigevano. Sono quattro i consiglieri a passare all’opposizione. Il Gruppo Civico motiva la scelta con i contrasti emersi con gli alleati dopo la decisione di sposare la protesta dei residenti del Cascame contrari al supermercato, da cui sarebbe emersa una frattura insanabile.

Lascia la maggioranza anche Enrico Chiapparoli di Grande Vigevano: da sempre contrario al market al Cascame, ha reputato un affronto il fatto di non essere stato invitato al vertice di maggioranza che si è tenuto lunedì sera.

La situazione in consiglio comunale vede ora 11 consiglieri di minoranza e 13 di maggioranza. Un margine sottilissimo, soprattutto se si considera che ormai da tempo il gruppo della Lega non si presenta al completo a una votazione. Ogni singolo voto sarà fondamentale, come dimostrato già ieri sera nel dibattito sull’abbassamento delle rette delle mense scolastiche, che ha visto la maggioranza clamorosamente battuta su un tema su cui la Lega aveva concentrato una delle sue più grandi battaglie identitarie degli ultimi anni.

Vigevano, non passa (per ora) il progetto del market al Cascame

Finisce con un pareggio, 10 a 10, la votazione sul progetto del supermercato Md al Cascame. Dopo un attimo di confusione, il segretario comunale decreta il da farsi: secondo regolamento il punto non è approvato, ma può essere ripresentato. Termina così, almeno per ora, una vicenda che ha dilaniato la maggioranza. Rispetto alle previsioni della vigilia, in aula mancano Antonello Galiani di Forza Italia (che avrebbe forse votato no) e Raffaele Gori Aceto della Lega, da sempre perplesso sul progetto ma che voci davano come convinto dai suoi a virare sul sì. Invece non si è presentato, così come gli altri consiglieri leghisti dissidenti sul punto, Marco Comolli e Carmen Rodolfo. Si partiva da una situazione di 11 a 10 a favore del sì, modificata però quando diversi consiglieri di opposizione hanno tirato in ballo le rivelazioni dell’ex assessore Suvilla, il quale aveva reso nota un’offerta di Md per l’acquisto di un terreno comunale avanzata qualche mese prima della presentazione del progetto in discussione, che riguarda invece un terreno privato. Una trattativa che avrebbe portato al comune un milione di euro che non venne conclusa, e dall’opposizione si chiedono il perché.

Il vicesindaco Ceffa si difende, affermando che la storia non è stata raccontata per intero, e annuncia di voler fornire ulteriore documentazione.

La giunta accoglie la proposta del gruppo di minoranza Per Vigevano di istituire una commissione di indagine sul caso del fallimento della trattativa per costruire il supermercato sul terreno comunale, e annuncia di voler ritirare il punto relativo all’autorizzazione del market su terreno privato. A questo punto, però, il Pd sfida la maggioranza a votare comunque.

Si va quindi alla conta, con Monica Cotta Ramusino di Progetto Vigevano che, dopo aver espresso la sera prima parere favorevole al progetto del Cascame, decide, a seguito di un lungo confronto con il resto della minoranza e sulla base dei nuovi elementi emersi, di non partecipare alla votazione. 10 favorevoli, 10 contrari, 1 non partecipante al voto. La commissione d’indagine si farà, ed eventualmente la giunta potrà provare a ripresentare il progetto.

Vigevano, la maggioranza cade sulle mense: ticket ridotti per i meno abbienti

Primo tassello per la revisione delle fasce di prezzo delle mense scolastiche a Vigevano. La nuova minoranza, approfittando delle assenze in maggioranza causate dai dissensi sul progetto del supermercato al Cascame, ha avuto i numeri per far passare una mozione che impone di rivedere i costi per andare incontro alle famiglie meno abbienti. La proposta era di Partito Democratico e Per Vigevano, a cui si è aggiunto il Gruppo Civico inserendo l’indicazione di abbassare da 3,65 euro a 2 euro il costo del ticket per i redditi Isee sotto gli 8.000 euro. La mozione passa con i voti, oltre che dei proponenti, di Movimento 5 Stelle, Progetto Vigevano e Grande Vigevano. Il testo approvato dovrà essere concretizzato con una delibera di giunta e un conseguente secondo voto in consiglio, quindi la maggioranza ha ancora ampi margini di manovra, certo è che chi da anni contesta alla Lega la gestione della questione mense, vede questo passaggio come una vittoria.

Voghera, Antonio Marfi è il candidato sindaco del M5S

Sarà Antonio Marfi il candidato sindaco del Movimento 5 stelle a Voghera per le elezioni che si terranno in primavera. L’assemblea degli iscritti coordinata da Caterina Grimaldi con la presenza del deputato Romaniello, ha indicato nell’ex consigliere comunale la figura che dovrà correre tra circa 6 mesi alla sfida per il governo della città. Anche…
Per saperne di più

A Formigoni concessi gli arresti domiciliari

Sono stati concessi gli arresti domiciliari all'ex governatore di Regione Lombardia Roberto Formigoni, che sta scontando una condanna definitiva a 5 anni e dieci mesi di carcere per corruzione. Lo ha deciso il tribunale di sorveglianza di Milano, a seguito della richiesta dello stesso Formigoni. L'ex presidente, 72 anni, dal 22 febbraio scontava la pena…
Per saperne di più

Spaccatura nella Comunità Montana, 7 sindaci contro il nuovo corso

La nuova amministrazione della comunità montana dell’Oltrepò dovrà fare a meno di una cospicua parte di sindaci, 7 su 18 per la precisione, dichiaratisi in contrasto con il nuovo corso intrapreso dal neo sindaco di Varzi e neo presidente dell’ente montano Giovanni Palli. I rappresentanti dei comuni di Rocca Susella, Colli Verdi, Montesegale, Cecima, Borgoratto…
Per saperne di più

Bivacchi in stazione centrale, scontro tra Salvini e il comune di Milano

“Compito di un sindaco è evitare i bivacchi in una città come Milano che ha appena vinto le Olimpiadi invernali e non quelle del bivacco”. Il vice premier Matteo Salvini attacca l’amministrazione milanese sulla questione dei cosiddetti “migranti fantasma” presenti in particolare nella zona della stazione centrale e che per effetto del Decreto sicurezza restano…
Per saperne di più