• Pavia:

Archivi categoria : Politica

Pavia, la pedonalizzazione di Strada Nuova “congelata”con un emendamento

Inserita per sbaglio o meno nel Documento Unico di Programmazione, quel che è certo è che la pedonalizzazione di Strada Nuova non è nei pensieri della giunta. Nell’ultimo consiglio comunale dedicato all’approvazione del bilancio infatti, l’amministrazione ha accolto un emendamento in merito del consigliere del Gruppo Misto Rodolfo Faldini. Se prima il testo del Dup…
Per saperne di più

Frizioni al Mezzabarba, Bellaviti lascia il ruolo di segretario cittadino di Forza Italia

Nervi tesi tra Forza Italia e Lega a Pavia. A pochi mesi dall'insediamento della nuova amministrazione, la luna di miele tra gli alleati di centrodestra sembra essere già terminata. Con un comunicato stampa, Marco Bellaviti ha infatti ufficializzato le sue dimissioni da segretario cittadino di Forza Italia."Nel ringraziare Alessandro Cattaneo (attuale coordinatore provinciale ndr) per…
Per saperne di più

Sondaggio Polo Laico: “Vigevano deve puntare sul turismo”

Per rilanciare Vigevano si deve puntare sulle connessioni fra commercio, turismo e qualità ambientale. È questo il risultato del sondaggio del Polo Laico al quale hanno partecipato quasi 400 persone intitolato “Vigevano – Come ti Vorrei”, primo passo per immaginare la città del futuro anche in vista delle prossime elezioni amministrative. Andando a curiosare fra i dati, colpisce che i partecipanti al sondaggio indichino fra le principali carenze di Vigevano, oltre ai problemi dei collegamenti, temi quali la mancanza di identità e strategia, ma anche una mentalità giudicata chiusa alle novità. Da più parti, inoltre, vengono chieste nuove modalità di coinvolgimento dei cittadini nella vita pubblica.

Dal Polo Laico, che ha discusso i risultati del sondaggio in un pomeriggio di lavoro in castello, si accoglie infine con stupore la critica ricevuta per aver voluto farsi scrivere il programma dai cittadini, in quanto, affermano, questo aspetto andrebbe invece inteso come un punto di valore.

Sedriano. Le priorità di Angelo Cipriani, primo sindaco M5S della Lombardia

Eletto quattro anni fa, dopo lo scioglimento del Comune per infiltrazioni mafiose.

Fracassi mette Liliana Segre nella lista dei benemeriti di San Siro

Il colpo di scena è arrivato nella conferenza dei capigruppo ieri sera al Mezzabarba. Tra i benemeriti di San Siro anche la senatrice a vita Liliana Segre. Una precisa volontà del sindaco Fracassi che ha lasciato tutti di stucco. In uno degli ultimi consigli comunali infatti la proposta dell’opposizione di conferire alla senatrice Segre la…
Per saperne di più

Vigevano, la notte della maggioranza: Md non passa, poi Lega battuta sulle mense

Serata difficile in consiglio comunale per la maggioranza guidata dal sindaco Andrea Sala. I consiglieri di Gruppo Civico e Grande Vigevano annunciano il passaggio all'opposizione. Il progetto per il market Md al Cascame non ha i voti per essere approvato (ma potrà essere ripresentato), mentre arriva una clamorosa sconfitta per la Lega sulla questione delle mense scolastiche.

Il caso del supermercato Md al Cascame è l’innesco di una importante fuoriuscita dalla maggioranza in consiglio comunale a Vigevano. Sono quattro i consiglieri a passare all’opposizione. Il Gruppo Civico motiva la scelta con i contrasti emersi con gli alleati dopo la decisione di sposare la protesta dei residenti del Cascame contrari al supermercato, da cui sarebbe emersa una frattura insanabile.

Lascia la maggioranza anche Enrico Chiapparoli di Grande Vigevano: da sempre contrario al market al Cascame, ha reputato un affronto il fatto di non essere stato invitato al vertice di maggioranza che si è tenuto lunedì sera.

La situazione in consiglio comunale vede ora 11 consiglieri di minoranza e 13 di maggioranza. Un margine sottilissimo, soprattutto se si considera che ormai da tempo il gruppo della Lega non si presenta al completo a una votazione. Ogni singolo voto sarà fondamentale, come dimostrato già ieri sera nel dibattito sull’abbassamento delle rette delle mense scolastiche, che ha visto la maggioranza clamorosamente battuta su un tema su cui la Lega aveva concentrato una delle sue più grandi battaglie identitarie degli ultimi anni.

Vigevano, non passa (per ora) il progetto del market al Cascame

Finisce con un pareggio, 10 a 10, la votazione sul progetto del supermercato Md al Cascame. Dopo un attimo di confusione, il segretario comunale decreta il da farsi: secondo regolamento il punto non è approvato, ma può essere ripresentato. Termina così, almeno per ora, una vicenda che ha dilaniato la maggioranza. Rispetto alle previsioni della vigilia, in aula mancano Antonello Galiani di Forza Italia (che avrebbe forse votato no) e Raffaele Gori Aceto della Lega, da sempre perplesso sul progetto ma che voci davano come convinto dai suoi a virare sul sì. Invece non si è presentato, così come gli altri consiglieri leghisti dissidenti sul punto, Marco Comolli e Carmen Rodolfo. Si partiva da una situazione di 11 a 10 a favore del sì, modificata però quando diversi consiglieri di opposizione hanno tirato in ballo le rivelazioni dell’ex assessore Suvilla, il quale aveva reso nota un’offerta di Md per l’acquisto di un terreno comunale avanzata qualche mese prima della presentazione del progetto in discussione, che riguarda invece un terreno privato. Una trattativa che avrebbe portato al comune un milione di euro che non venne conclusa, e dall’opposizione si chiedono il perché.

Il vicesindaco Ceffa si difende, affermando che la storia non è stata raccontata per intero, e annuncia di voler fornire ulteriore documentazione.

La giunta accoglie la proposta del gruppo di minoranza Per Vigevano di istituire una commissione di indagine sul caso del fallimento della trattativa per costruire il supermercato sul terreno comunale, e annuncia di voler ritirare il punto relativo all’autorizzazione del market su terreno privato. A questo punto, però, il Pd sfida la maggioranza a votare comunque.

Si va quindi alla conta, con Monica Cotta Ramusino di Progetto Vigevano che, dopo aver espresso la sera prima parere favorevole al progetto del Cascame, decide, a seguito di un lungo confronto con il resto della minoranza e sulla base dei nuovi elementi emersi, di non partecipare alla votazione. 10 favorevoli, 10 contrari, 1 non partecipante al voto. La commissione d’indagine si farà, ed eventualmente la giunta potrà provare a ripresentare il progetto.