Archivi categoria : Attualità

Due milioni di euro per sistemare la frana di Nivione

Mesi di studi, verifiche geologiche e una spesa di almeno due milioni di euro. Così, forse entro la fine della primavera 2020, la frana di Nivione potrà essere messa in sicurezza e la provinciale 28 riaperta con grande sollievo per i residenti nelle frazioni di Varzi rimaste semi-isolate dopo il dissesto della scorsa settimana. Dopo…
Per saperne di più

Terrorismo, De Corato: “Lombardia a maggior rischio di infiltrazioni”

Secondo l'ItalianTerrorismInfiltration Index 2019, la Lombardia è la regione italiana a maggior rischio di infiltrazioni terroristiche. “Forse dobbiamo solo ringraziare il lavoro costante di intelligence se nel nostro Paese e nella nostra regione non è ancora successo nulla di grave”. Lo afferma in una nota Riccardo De Corato, assessore regionale a Sicurezza, Polizia locale e…
Per saperne di più

Cambia la povertà a Milano, in aumento chi cerca una casa

Sottopasso mortirolo, due passi dalla stazione centrale di milano. Sopra attraversato dal mondo intero, cittadini di ogni etnia che corrono nella loro frenetica quotidianità. Giù invece il tempo è immobile: trovano rifugio decine e decine di senzatetto. Don antonio Mazzi, come ogni anno ha celebrato qui la messa della vigilia di Natale, all’interno degli spazi dello sportello sos stazione

Vigevano, presentato il primo progetto per il nuovo canile

Il comune di Vigevano festeggia i 30 anni dell’Adai presentando il progetto di massima per la costruzione del nuovo canile. Nella serata in cui è stato consegnato l’attestato dell’amministrazione comunale all’associazione che si occupa della cura degli animali ospiti della struttura di via Valletta Fogliano, il direttore della multiservizi Andrea Deplano ha illustrato le caratteristiche del nuovo canile, che verrà costruito alle spalle di quello attuale. Ci saranno gabbie più ampie, riscaldate, e divise in due parti: una completamente chiusa e un’altra all’aperto ma coperta con un tetto. La capienza totale sarà di 160 posti.

Costo stimato dell’opera 630.000 euro, il problema principale da superare è il nuovo ingresso: vista la presenza della roggia, bisognerà costruire una strada che dal retro dell’attuale canile arrivi fino alla frazione Fogliano. Un’impresa non da poco di cui non sono ancora stati definiti tempi e costi, ma fondamentale perché attualmente non esiste una via d’accesso per fare arrivare camion e ruspe sul terreno del nuovo canile. Completata la strada, il più sarà fatto, perché le strutture saranno in prefabbricato e in 100 giorni si conta di installarle. Molte cose sono ancora da definire, ma intanto il progetto accoglie il plauso dell’opposizione, soprattutto del Movimento 5 Stelle che tanto aveva insistito perché Vigevano avesse un nuovo canile.