• Pavia:

Archivi categoria : Attualità

Nicorvo e Ceretto: riaprono i ponti in Lomellina

Qualcosa si muove. L’emergenza ponti, almeno in Lomellina, si allevia. La Provincia ha infatti deciso di riaprire al traffico pesante, almeno parzialmente, i ponti sull’Agogna di Nicorvo e Ceretto. Il primo era stato chiuso ai camion ben sei anni fa, mentre il secondo aveva conosciuto una fase di emergenza lo scorso anno. A Nicorvo erano…
Per saperne di più

Rapporto Ispi, sono 125 i Foreign Fighters “italiani”

Sono per la stragrande maggioranza uomini, l'età media si aggira sui 30 anni e la maggior parte di loro, almeno il 30%, era residente in Lombardia. E' il ritratto dei foreign fighters italiani, i combattenti volontari che partono dal nostro paese per andare ad unirsi alle formazioni ribelli nelle guerre civili in medio oriente o in nordafrica. Il rapporto Ispi, di cui è primo autore Francesco Marone, docente a contratto di International Politics dell’Università di Pavia, ha permesso di inquadrare le caratteristiche dei combattenti italiani: il database dei 125 individui analizzati è principalmente composto da soggetti che si sono uniti a formazioni estremiste come lo Stato Islamico, Jabhat al-Nusra e altri gruppi jihadisti minori, ma include anche una piccola schiera di soggetti che sono entrati a far parte dell’Esercito Libero Siriano e di altre fazioni non riconducibili all’ideologia jihadista. A differenza di quanto avviene in altri paesi dell’Europa occidentale, la maggior parte dei foreign fighters legati all’Italia è nata all’estero: solo 11 di loro sono effettivamente nati nel nostro paese. La questione dei foreign fighters riguarda soprattutto il Nord e il Centro, dove viveva la maggior parte di loro: a livello di province, il centro che, insieme al proprio hinterland, vede la maggiore presenza di combattenti è Milano. Secondo il rapporto, però, non risulta che alcun foreign fighter presente nella lista ufficiale italiana sia stato coinvolto attivamente nel supporto e tantomeno nell’esecuzione di attacchi terroristici in Occidente. Tuttavia, secondo le informazioni disponibili, per almeno tre di loro esistono alcune indicazioni, anche se parziali, relative a un interesse nella pianificazione di attacchi in Europa.

Vini, Luigi Gatti al vertice del Consorzio. “Cambieremo marcia”

Il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese volta pagina e sceglie i dirigenti per il prossimo triennio. Giovedì pomeriggio all’Enoteca Regionale di Cassino Po è stato investito della carica di presidente Luigi Gatti per acclamazione. Eletto l’8 maggio tra i produttori e risultato il più votato della sua categoria, Gatti, laureato in Scienze Agrarie alla Cattolica…
Per saperne di più

ENI e Maugeri esportano il Centro Antiveleni nel mondo

Maugeri ed Eni rinnovano e rinforzano la loro collaborazione ormai ventennale. Le due aziende hanno sottoscritto un accordo per estendere a livello mondiale la reciproca collaborazione per la ricerca, prevenzione e trattamento nell’ambito delle emergenze tossicologiche. La collaborazione tra Eni e il Centro antiveleni dell’ICS Maugeri, già operativa a livello nazionale, viene quindi estesa a…
Per saperne di più

Ad Ottobiano sbarca il Campionato Mondiale di Motocross

I big del motocross mondiale disputeranno nel fine settimana il Gran Premio d'Italia sulla pista lomellina. Grande attesa per i campioni e l'impianto si appresta ad ospitare una delle manifestazioni clou dell'intero panorama motoristico italiano. Attese migliaia di persone.

Salame Varzi, il Ministro Centinaio: “Bisogna tutelare le nostre eccellenze”

Un pomeriggio dedicato al salame di Varzi, tra dibattiti, approfondimenti, e l’inaugurazione della nuova sede del consorzio di tutela all’interno dell’ex mercato del bestiame nella piazza della fiera, tenuto a battesimo niente meno che dal neo ministro all’agricoltura e al turismo Gian Marco Centinaio. Al centro del dibattito, lo sviluppo futuro di questo prodotto simbolo del territorio. L’obiettivo è far cresere il numero delle aziende associate al consorzio ma anche promuovere l’insediamento di nuove attività, anche legate all’allevamento in loco.