Cinghiali, ancora incidenti sulle strade dell’Oltrepò

Un grosso cinghiale che sbuca all’improvviso, una brusca frenata e un'altrettanto brusca sterzata di lato. Inutile. Secondo i dati della Regione, questa scena, in provincia di Pavia, si è ripetuta, con poche varianti, per ben 160 volte. Tanti sono stati infatti gli incidenti tra auto e animali selvatici - cinghiali in particolare ma anche daini e caprioli - nel 2018. L’ultimo, senza conseguenze per l’automobilista coinvolto, è accaduto non lontano dal centro di Stradella, nei pressi del quartiere San Zeno, uno dei più densamente abitati della città al confine con le campagne.

Già prima di questo episodio, però, numerose erano state le segnalazioni di branchi di ungulati in attraversamento sulle strade della zona, sia Comunali che Provinciali. E in generale le segnalazioni sarebbero in aumento in tutto l’Oltrepò pede-collinare. Questo nonostante il piano di contenimento approvato da Regione Lombardia ormai quasi un anno fa abbia di fatto ampliato le possibilità di abbattimento di questi animali. Tra piani di controllo, caccia di selezione e caccia generica  i cinghiali abbattuti nella sola provincia di Pavia nel 2019 sono stati 1232 su un totale regionale di 5800.

Sebbene nel caso dell’incidente di Stradella non sia stato evidenziato alcun nesso, il problema degli incidenti causati dalla fauna selvatica sulle strade pavesi, secondo la Polizia provinciale, potrebbe essere acuito anche dai fenomeni di bracconaggio: disturbati in zone e periodi di divieto di caccia, gli animali fuggirebbero all’impazzata attraversando non di rado le strade con gravi rischi per tutti.