Sfratti rinviati a Broni, gli inquilini di Piazza Italia: noi truffati

Momenti di tensione a Broni dove, nella mattina di giovedì, una ventina di famiglie residenti in unostabile di Piazza Italia sono state raggiunte da uno sfratto esecutivo. Gli inquilini degli appartamenti sono in gran parte extracomunitari che, negli ultimi anni, avevano stipulato contratti di affitto con una società immobiliare finita in bancarotta. Due stabili che ospitano una cinquantina di appartamenti, un centro massaggi, un bar e un ristorante giapponese sono stati quindi pignorati e tutti gli occupanti sottoposti a sfratto. Sul posto anche l’Assemblea per il diritto alla casa di Pavia. Anche i residenti, tra cui famiglie con bambini piccoli, confermano di aver svolto lavori negli appartamenti che saranno costretti a lasciare entro i primi di febbraio, dopo il rinvio ottenuto giovedì. Nonostante il rinvio concesso e il fatto che diverse famiglie negli ultimi mesi abbiano già lasciato gli appartamenti, la situazione resta critica e dall’Assemblea per il diritto alla casa arriva anche un appello al Comune perché si adoperi per trovare una soluzione.