• Pavia:

E’ morto Giorgio Forni: una vita dedicata all’arte fra Sartirana e Vigevano

Ci ha lasciato Giorgio Forni. Figura di fondamentale importanza per il mondo dell’arte del territorio, ha legato il suo nome soprattutto a Sartirana e a Vigevano. Se ne è andato a 71 anni, dopo una lunga malattia. Con un perenne sorriso sulle labbra, oltre alla grande simpatia e affabilità non mancava però di essere fermo nelle sue posizioni, difendendole, se necessario, anche con decisione. Collezionista d’arte, cercò di promuovere il bello in ogni modo, valorizzando quanto il territorio aveva da offrire. Negli anni Settanta fece parte del gruppo di coloro che a suon di ramazze riuscì a rendere agibili alcuni spazi del castello di Vigevano aprendolo a piccoli gruppi di visitatori, come testimoniato da queste foto dell’epoca. In seguito fu tra i promotori dell’arrivo del sole di Pomodoro in piazza Ducale, e nel 2010 provò addirittura il colpo gobbo per portare a Vigevano la dama con l’ermellino, con la collaborazione dello storico Carlo Pedretti. Non si capì mai se ci credeva veramente o era una trovata pubblicitaria. Era l’anno che Forni trascorse da assessore comunale alla cultura, tirando fuori dal cilindro idee a ritmo giornaliero e arrivando a organizzare eventi come Buon Compleanno Italia, dedicata ai 150 anni dell’Unità Nazionale e Anteprima, in collaborazione con la Camera Nazionale della Moda. Il suo lascito maggiore, però, rimarrà a Sartirana, con il restauro del castello acquistato negli anni ’80 e trasformato in sede di mostre di alto livello. Forni viveva lì: “La mia stanza è quella nella torre, pensami quando ci passi davanti”, era solito dire. Inevitabile immaginare che una parte di lui rimarrà lì per sempre.