Lara Comi torna in libertà: “Scardinato l’impianto accusatorio”

Lara Comi è tornata in libertà, ma con il divieto di esercitare attività di impresa o assumere cariche direttive per sei mesi. il tribunale del riesame ha accolto parzialmente l’istanza dell’avvocato difensore Biancolella che in aula aveva chiesto la revoca degli arresti domiciliari, dove l’ex europarlamentare si trovava dallo scorso 14 novembre con lì’accusa di finanziamento illecito, corruzione e truffa ai danni del parlamento europeo.