• Pavia:

Inquinamento, gli aeroporti milanesi pronti a varare l’ecopass dei cieli

Se a terra Area B e area C fanno ancora molto discutere, da oggi anche nei cieli ci potrebbero essere delle restrizioni per i mezzi più inquinanti. una sorta di ecopass tra le nuvole, è questa la proposta del gruppo Sea, la società che gestisce gli aeroporti di Linate e Malpensa, che sta pensando ad una soluzione per ridurre l’emissione di co2 nei cieli. E l’idea è quella di alzare le tariffe per le compagnie che utilizzano aerei più vecchi, rumorosi e soprattutto che inquinano di più. In pratica più inquini e più paghi.. un incentivo per le compagnie aeree che provvedono ad un ricambio degli aeromobili, una punizione per quelle che non lo faranno.

La proposta è stata presentata ieri durante la commissione consiliare mobilità e trasporti a Palazzo Marino dall’ad di sea Armando Brunini, dove ha anche parlato del restyling di Linate, dopo la chiusura da luglio ad ottobre per il rifacimento della pista. Riqualificazione della galleria commerciale e dei blocchi dei servizi igienici e nuove tecnologie per le procedure dei controlli di sicurezza dei bagagli, che permetteranno di lasciare pc e  liquidi consentiti, quelli fino a 100 ml, dentro al trolley. Un'altra novità in corso di studio  è l’introduzione dell’analisi biometrica per i controlli dei passeggeri che eliminerebbe il controllo dei documenti con un risparmio di tempo. Durante la commissione si è parlato anche di malepensa, con la fiducia di Sea che nell’arco di 7-8 anni tornerà ai volumi di traffico di quest’estate, quando Linate era chiuso, con il +34% di passeggeri e il +44% di movimenti. come? puntando sulle tratte intercontinentali come Cina Oriente e Stati Uniti e sulla crescita delle compagnie di volo low cost.