• Pavia:

Tentata violenza e sequestro di una ragazza all’interno di un McDonald’s

Sequestra una turista russa all'interno di un McDonald's tra via Sarpi e via Lomazzo a Milano, la palpeggia e le dà un pugno in faccia, fratturandole il setto nasale. È stato arrestato martedì dalla polizia: che ha ricostruito quanto sarebbe avvenuto al termine di una veloce indagine che ha permesso di accertare i fatti. In manette è finito un egiziano di 37 anni, addetto alle pulizie presso il ristorante dov'è avvenuta la violenza. È successo nella notte tra il 3 e il 4 novembre scorso. Secondo l'accusa, intorno alle 2.30 del 4 novembre, la 26enne russa era passata davanti al McDonald's di via Sarpi, a quell'ora chiuso, e aveva incrociato un inserviente, chiedendogli dal vetro di poter accedere al wi-fi. L'inserviente allora l'avrebbe invitata ad entrare da una porta sul retro e avrebbe iniziato a palpeggiarla, tentando un approccio sessuale. A quel punto, sarebbe nata una colluttazione, durante la quale l'inserviente 37enne, di origini egiziane, avrebbe colpito la ragazza con un pugno al volto. La 26enne, sanguinante, avrebbe quindi convinto il suo aguzzino ad andare in bagno. Dopo averle intimato di lasciargli il cellulare, il 37enne ha concesso alla ragazza di allontanarsi verso il bagno, ma lei ne ha approfittato, correndo nel salone principale e riuscendo a uscire dalla porta centrale. Una volta in strada, la turista russa ha fermato una volante e ha tentato di spiegare agli agenti cosa le fosse successo. Ma, parlando solamente russo, per formalizzare la denuncia ha dovuto aspettare un interprete. Nel frattempo, i poliziotti hanno identificato l'egiziano, che aveva lanciato lo zaino della vittima fuori dal locale, tenendosi però il suo cellulare. L'aggressore, a causa della flagranza di reato trascorsa, inizialmente è stato solo denunciato e nei giorni successivi avrebbe continuato a lavorare nel McDonald's di via Sarpi. Poi, una volta visionate le registrazioni delle telecamere di sicurezza, che non hanno lasciato dubbi circa l'avvenuta violenza, gli agenti lo hanno arrestato: ieri, infatti, è stata emessa un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. Ora, l’uomo si trova nell'istituto penitenziario di San Vittore e dovrà rispondere di violenza sessuale, lesioni, sequestro di persona e furto del cellulare. La ragazza, che era stata accompagnata in ospedale la notte stessa, dove le era stata data una prognosi di 20 giorni, per la rottura del setto nasale, è tornata in Russia con un volo del 4 novembre, data già prevista per il suo ritorno.

Sulla vicenda, anche la voce di McDonald's, che afferma: "McDonald’s Italia è costernata per quanto successo nel ristorante di via Paolo Sarpi a Milano ed esprime la propria vicinanza alla ragazza vittima di questa violenza. Il presunto responsabile dell’aggressione, dipendente della società di pulizie che collabora con il ristorante, è stato immediatamente allontanato dal servizio non appena il gestore del ristorante è venuto a sapere dalla Polizia quanto accaduto. McDonald’s e il licenziatario che gestisce il locale si sono resi immediatamente disponibili a collaborare con le forze dell’ordine per fornire tutte le informazioni in proprio possesso".