Milano, straniero irregolare manda all’ospedale due poliziotti

Due agenti della squadra volante del commissariato di polizia Garibaldi Venezia sono stati aggrediti nella notte da un 35enne originario della Libia. L’uomo, irregolare, era stato avvicinato nei pressi della stazione, perché in atteggiamenti sospetti. Alla richiesta di documenti, ha reagito improvvisamente con calci e pugni. I poliziotti sono riusciti a fermarlo e ad arrestarlo, ma sono rimasti feriti: un mese di prognosi per uno degli agenti a causa di un dito fratturato, otto giorni per il secondo, vittima di una distorsione al posto. Le foto dei due agenti feriti sono state diffuse dal sindacato autonomo di polizia Sap, che ha denunciato il fatto. Il segretario provinciale Massimiliano Pirola, in un comunicato, chiede che vengano sbloccate le procedure burocratiche per dotare gli agenti dei taser: “Siamo stanchi di aspettare e vogliamo avere la dignità di svolgere il servizio sapendo di avere una tutela sopra la testa e non essere mandati allo sbaraglio”, scrive Pirola.