• Pavia:

Gatti brutalmente maltrattati a Velezzo Lomellina, denuncia della Lav

Gatti scomparsi, feriti, avvelenati e torturati. L’orribile serie di episodi che, secondo i volontari della Lav Oltrepò, prosegue da almeno un mese, si è registrata nel piccolo Comune di Velezzo Lomellina dove una colonia felina censita dalle autorità veterinarie di circa 25 animali è stata decimata. Due animali sono stati trovati con gli arti amputati – spiegano gli attivisti - mentre quattro cuccioli risultavano denutriti perché privati delle cure parentali. A una gatto maschio sarebbe stata spezzata la coda in più punti mentre a una femmina sarebbe stato addirittura cavato un occhio. Inoltre, non lontano dalla cascina abbadonata che ospitava la colonia, poco prima di ferragosto, era stata rinvenuta una cassetta per la frutta contenente sospette esche al veleno. L'Associazione, che fatto analizzare i reperti, ha ricevuto gli esiti dall'Istituto Zooprofilattico di Pavia che parlavano una miscela di granaglie contenente insetticidi, pesticidi e veleno per topi. Per ragioni di sicurezza pubblica, di tutela degli animali domestici e selvatici e dell’ambiente, lo spargimento di bocconi avvelenati impone un intervento immediate.

“Lasciare incustodite esche rodenticide – aggiunge LAV Oltrepò Pavese – espone al rischio di colpire non soltanto la specie obiettivo, ma di avere sia avvelenamenti sul resto della fauna selvatica e avvelenamenti secondari sulle specie predatrici, fra cui gatti e cani domestici ma anche uccelli rapaci protetti e quant’altro. L’Associazione, che aveva immediatamente informato il Sindaco circa le criticità correlate al potenziale pericolo di avvelenamento, ha inviato, informando anche il Prefetto, un ulteriore sollecito all’Amministrazione di Velezzo Lomellina, richiedendo di mettere in atto tutte le misure previste dalla vigente normativa per evitare accidentali contatti con esche topicide, ai danni di persone e animali, nonché la dispersione nell’ambiente.