• Pavia:

Vuole violentare la ex. Lei si difende con un coltello

Si presenta a casa della ex con la scusa di voler parlare, poi una volta entrato nell'appartamento la aggredisce e tenta di violentarla. E' successo sabato notte a Pavia, in Lungo Ticino Visconti. Lui, un ragazzo di 18 anni di origine dominicana, non voleva rassegnarsi alla fine della relazione e per settimane aveva cercato di riallacciare i rapporti con la ex, una sua connazionale di 20 anni. Quando se l'è trovato di fronte, davanti alla porta della sua abitazione, la ragazza lo ha fatto entrare, spiegandogli però di non voler avere più niente a che fare con lui. Il 18enne a quel punto l'ha aggredita, picchiata e palpeggiata, cercando di costringerla ad avere un rapporto sessuale. La giovane, però, ha reagito, con calci e pugni. Quando è riuscita a divincolarsi, ha raggiunto la cucina ed ha preso un coltello, ferendo l'ex al braccio. Le urla della giovane, nel frattempo, erano state sentite dai vicini, che hanno subito chiamato i carabinieri. Gli uomini dell'Arma sono entrati nell'appartamento e hanno immobilizzato il 18enne. Entrambi i ragazzi presentavano diverse ferite da arma da taglio, ma nessuno di loro e era in gravi condizioni. I due sono stati portati al San Matteo per le cure del caso, poi il 18enne è stato arrestato e portato in carcere con le accuse di aggressione e tentata violenza sessuale. Un'altra aggressione si è verificata nella giornata di domenica, sempre a Pavia, in piazza della stazione. In questo caso un 41enne di Giussago aveva minacciato la compagna con un coltello, dopo un litigio nato per futili motivi. Durante la perquisizione i carabinieri hanno trovato l'arma e una piccola dose di marijuana nei vestiti dell'uomo, che è stato quindi denunciato e per il quale è scattata la richiesta del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima.