• Pavia:

Caso Rocchelli, la sentenza arriverà venerdì prossimo

Bisognerà attendere ancora pochi giorni per quella che potrebbe essere la svolta in uno dei casi giudiziari più delicati degli ultimi anni. Tra una settimana esatta i giudici del tribunale di Pavia emetteranno la loro sentenza sul caso che vede imputato il miliziano italo-ucraino Vitaly Markiv per la morte dei due fotoreporter Andrea Rocchelli e Andrei Mironov. Questa mattina si è tenuta la penultima udienza del processo, nel corso della quale il legale di Markiv, Daniela Rapetti, ha chiesto l'assoluzione per il suo assistito, per non aver commesso il fatto. La difesa ha spiegato che non ci sono abbastanza prove per emettere una sentenza di colpevolezza e ha ricordato ancora una volta che Markiv -in virtù del suo grado nella milizia ucraina- non aveva il potere di ordinare l'attacco che ha poi ucciso i due giornalisti. Il Pm aveva chiesto invece una pena di 17 anni di carcere per omicidio volontario semplice. Ora, resta l'attesa. Una settimana di tempo per arrivare al primo grado di giudizio, al primo tassello di una verità giudiziaria. Il ricordo di Andy, però, è più vivo che mai. Giovedì sera gli amici del fotoreporter hanno presentato l'associazione Volpi Scapigliate, nata per tenere alta l'attenzione sul tema della libertà di stampa nei teatri di guerra.