• Pavia:

Mede, trovata morta in casa: non fu omicidio

Si svolgeranno venerdì mattina alle 10.30 i funerali di Silvana Canepari, l’insegnante in pensione di Mede trovata morta nella sua casa di vicolo Cancelli. Il magistrato ha dato il nulla osta alla celebrazione delle esequie dopo l’esecuzione dell’autopsia. Per la vicenda rimane indagato a piede libero il figlio della donna, Amos Rossi, 43 anni, accusato di distruzione di cadavere. Il corpo dell’anziana è stato trovato in stato di decomposizione tale da far pensare che fosse morta da mesi, un fatto che combacerebbe con il racconto dell’altra figlia della donna, la quale ha riferito agli inquirenti che non riusciva a parlare alla madre dallo scorso febbraio, da quando cioè il fratello ha cominciato ad accampare scuse per non fargliela incontrare. Era stata proprio la figlia della signora Canepari a fare la macabra scoperta e ad avvisare i carabinieri lo scorso venerdì, quando ha preteso dal fratello che le venisse aperta la porta dove la 75enne viveva insieme al figlio. I primi riscontri dell’autopsia rinforzerebbero la tesi che l’anziana sia morta di morte naturale. Nell’immediatezza del ritrovamento del cadavere si era ipotizzato che il figlio l’avesse uccisa, eventualità che sembrerebbe ora esclusa, anche se i dati definitivi dell’esame autoptico arriveranno nei prossimi giorni. La versione che rimane più accreditata allo stato attuale delle indagini è, quando la signora è venuta a mancare, il figlio, tossicodipendente, ne abbia voluto nascondere il decesso per poter continuare a incassare la pensione.