• Pavia:

Controlli sui locali lungo il Ticino, multe per 70mila euro

Quasi 70 mila euro di multe per inadempienze e irregolarità nella gestione del personale e delle materie prime. Nel fine settimana i carabinieri della compagnia di Pavia hanno fatto scattare un servizio straordinario di controllo del territorio con un attenzione particolare ai locali lungo le sponde del Ticino, per verificare il rispetto della normativa sulla sicurezza sul lavoro e la salute pubblica. Al termine dei controlli, i militari hanno denunciato tre persone: il caso più grave riguardava i due titolari di un ristorante, un un 49enne pavese ed un 47enne di Zinasco, che oltre alla denuncia si sono visti consegnare una multa da 59500 euro per la mancata nomina del responsabile del servizio di prevenzione e degli addetti al servizio di primo soccorso, per non aver inviato i dipendenti alle visite mediche e non aver curato la formazione in materia di sicurezza, ma anche per la mancata redazione del documento di valutazione dei rischi aziendali e l’assenza di tracciabilità degli alimenti, che hanno portato al sequestro amministrativo di 4 chili di carne bovina di provenienza ignota. Nell'ambito della stessa operazione, che ha visto la collaborazione dei Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro e dei N.A.S. di Cremona, è stato poi denunciato un 55enne milanese, titolare di un bar, che è stato anche multato per 8600 euro per aver impiegato un lavoratore extracomunitario "in nero" e per non aver nominato un
responsabile del servizio di prevenzione e protezione.