• Pavia:

Pavia, ipotesi commissariamento per il Pd

A dare il via libera ufficiale alla resa dei conti all’interno del Pd era stato nei giorni scorsi Francesco Brendolise chiedendo le dimissioni dei vertici locali e non solo del partito. Via il segretario cittadino Michele Lissia, il provinciale Chiara Scuvera e perfino il regionale Vinicio Peluffo. Un azzeramento totale per ripartire dopo la batosta elettorale patita a Pavia per mano della Lega. Ma il commissariamento del Partito Democratico non è solo un’idea dell’ex consigliere Francesco Brendolise. Voci interne al PD raccontano che anche il nuovo segretario Nicola Zingaretti non abbia particolarmente apprezzato la gestione pavese. In particolare non avrebbe gradito il lungo braccio di ferro con Massimo Depaoli: un pasticcio riferito a Zingaretti, a quanto pare, da rappresentanti provinciali del Pd pavese. Ma la gestione delle elezioni del capoluogo non sarebbero piaciute nemmeno al segretario regionale Vinico Peluffo, più vicino, e non solo geograficamente, alle vicende politiche del pd di Pavia. Per questo un commissariamento del partito non è un’ipotesi da scartare, tutt’altro. La pesante sconfitta che ha consegnato la città alla Lega e al centrodestra più in generale è una ferita aperta che richiederà del tempo per rimarginarsi