• Pavia:

Alagna, spari nella notte: denunciata 36enne rumena

Da qualche tempo Alagna Lomellina era terrorizzata da spari che si sentivano, frequentemente, in piena notte. Ad accrescere ulteriormente la preoccupazione era il fatto che questi spari sembravano provenire dall’area vicina al parco giochi, dove di giorno si radunano diversi bambini. Non riuscendo a comprendere di cosa si trattasse, in molti in paese temevano per l’incolumità propria e, nel caso in cui gli spari si fossero ripetuti anche di giorno, dei piccoli che frequentano i giardinetti. Qualcuno ha riferito quanto stava succedendo al sindaco Riccardo Ferrari, il quale a sua volta è andato a parlare con i carabinieri. I militari hanno velocemente capito, a seguito di indagini, che gli spari provenivano dall’abitazione di una donna di 36 anni, rumena, con precedenti di polizia. Fortunatamente i colpi venivano esplosi non da una vera pistola, bensì da una scacciacani marca Bruni modello 92. Non c’è stato, quindi, un reale pericolo, anche se alla 36enne viene comunque imputato di aver gettato nel panico la popolazione. La donna ha ammesso le proprie responsabilità, sostenendo che sparava di notte per provare la sua scacciacani. Una scusa che non può reggere di fronte alle accuse di reato di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone, per le quali la 36enne rumena è stata denunciata.