Spaccio nei campi, tre arresti a Vidigulfo

Nuovo blitz antidroga dei carabinieri nella campagne di Pavia. Gli spacciatori finiti in manette sono 3, tutti di origine marocchina, uno dei quali risultava ricercato perché un paio d’anni fa era stato trovato in possesso di ben 5 kili e mezzo di cocaina purissima. L’operazione è scattata all’alba nel territorio di Vidigulfo, nei pressi della frazione Vairano. È qui che i 3 pusher, di 26, 27 e 38 anni tutti senza fissa dimora e con precedenti penali, sono fermati grazie a un notevole dispiegamento di uomini e mezzi dell’arma che ha visto la partecipazione dei militari delle stazioni di Pavia, Landriano, San Martino Siccomario, Belgioioso, Casorate Primo e Bereguardo con il supporto delle unità cinofile di Lecco. I tre spacciatori sono stati sorpresi mentre cedevano droghe di varia natura come eroina, cocaina e hashish a diversi acquirenti, tutti originari delle province di Pavia, Lodi e Milano che sono stati segnalati alle rispettive prefetture quali assuntori di stupefacenti. Tra di loro, due pavesi di 45 e 47 anni di Ceranova e un 41enne di Sant’angelo Lodigiano sono stati deunciati a piede libero perché avrebbero anche trasportato con la propria auto i pusher, concorrendo quindi – questa l’accusa degli inquirenti – all’attività di spaccio. Nel complesso i carabinieri hanno sequestrato 50 grammi di cocaina, 33 di eroina, e circa un etto di hashish, oltre a un migliaio di euro in contanti. Dei soldi e della droga i tre marocchini avevano cercato di disfarsi gettandoli in un canale irriguo, ma grazie all’intervento dei cani antidroga tutto è stato recuperato. Gli spacciatori sono stati portati in carcere in attesa del processo, ma le indagini proseguono – fanno sapere gli investigatori - per individuare le fonti di approvvigionamento della droga.