Il rapinatore di Vigevano finisce in manette

Testimonianze, controlli e pedinamenti. E alla fine l'autore di ben tre rapine a dicembre scorso a Vigevano è finito in manette. Si tratta di un trentenne di domiciliato a Trezzano sul Naviglio, disoccupato e pluri pregiudicato. Il malvivente è stato rintracciato dai carabinieri lo scorso 24 gennaio e denunciato per il reato di rapina e ricettazione. Richiesto dai militari l'arresto, l'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata eseguita ieri pomeriggio. Ben tre le rapine di cui si è reso protagonista lo scorso dicembre a Vigevano. La sera del 10 dicembre scorso, quando in via del Popolo, armato di pistola, ha minacciato tre giovani studentesse e un 19enne di Vigevano, per farsi consegnare borse, portafogli, cellulari e una somma di denaro pari a 85 euro, per poi scappare a bordo di uno scooter, risultato precedentemente rubato. Una settimana dopo, invece, intorno a mezzanotte, all'incrocio tra via Trieste e via Rovereto, al self di una tabaccheria, sempre pistola alla mano, minaccia un ragazzo intento a prelevare le sigarette e si fa consegnare 10 euro, per poi scappare a bordo  dello stesso scooter. E mezz'ora più tardi è stato il turno di Corso Milano, dove il malvivente, simulando un tamponamento con un'auto alla cui guida c'erano due giovani di 28 e 21 anni, fa accostare la macchina per poi farsi consegnare, minacciandoli con la pistola, i cellulari e trenta euro. Il malvivente è stato intercettato dai militari circa un mese dopo, a Vigevano, dove era tornato per incontrare una ragazza conosciuta su un social network, che – ironia della sorte – si è poi scoperto essere la sorellastra del ragazzo rapinato in via del Popolo.