• Pavia:

Rifiuti, la Provincia sospende la discarica di Albonese

10.000 metri cubi di rifiuti oltre il limite. Sospensione dell’autorizzazione e possibili conseguenze penali per la Waste di Albonese, il deposito situato sulla strada per Mortara. Lì i controlli speditivi attuati da Arpa secondo le indicazioni della prefettura hanno rilevato delle anomalie nei rilievi planoaltimetrici effettuati con sofisticati strumenti. I tecnici dell’agenzia regionale per l’ambiente hanno quindi permesso di appurare l’irregolarità: il bacino principale dell’azienda era stato riempito all’inverosimile, sforando di 10.000 metri cubi la capacità massima per quella singola area. L’irregolarità, quindi, non era sul totale di rifiuti depositati, ma sul bacino principale. Il sospetto degli inquirenti è che ci fosse l’intenzione di stipare ogni zona sopra i limiti, perché altrimenti difficilmente si spiegherebbe come i rifiuti fossero stati depositati tutti su quella singola area mentre altre parti dello stabilimento erano molto meno cariche. All’interno della sede di Albonese della Waste confluiscono rifiuti speciali non pericolosi, perlopiù scarti di lavorazioni varie, ingombranti, residui di cantieri stradali e di pulizia strade. Subito dopo aver appreso dell’esito dei controlli effettuati dai tecnici Arpa, la provincia di Pavia ha sospeso l’autorizzazione alla Waste, intimando di ripristinare le condizioni di sicurezza rimuovendo i rifiuti o stoccandoli in maniera corretta, distribuendoli quindi nei vari bacini anziché stipandoli tutti nel bacino principale ben oltre i limiti consentiti come appare ora. Naturalmente della cosa è stata informata la procura, e la vicenda potrebbe avere degli strascichi di natura penale. Un altro importante risultato raggiunto, quindi, in termini di prevenzione, grazie ai controlli speditivi effettuati da Arpa sotto l’egida della prefettura.