• Pavia:

Stradella, truffatore 63enne denunciato dalla Polizia locale

Stradella. Si è prestato a fare da intermediaro per pagare l’affitto all’amico che non aveva un conto corrente, ma per 5 mesi si è intascato i soldi, prendendosi gioco di affittuario e padrone di casa. Si è conclusa con una denuncia per truffa l’inchiesta della Polizia locale di Stradella, che nelle scorse ore ha deposito il fascicolo alla Procura della repubblica di Pavia.

Il presunto truffatore è un uomo di 63 anni, italiano, residente in città, non nuovo ad imprese simili e con precedenti penali per reati contro il patrimonio. La vicenda si è svolta la scorsa estate, ma è stata divulgata solo al termine dell’indagine che ha permesso di ricostruire tutti i movimenti di denaro con cui l'uomo avrebbe spillato circa 1500 euro ai due conoscenti. Tutto è iniziato quando un uomo di 50 anni ha deciso di stabilirsi a Stradella e di prendere in affitto un appartamento. Si è rivolto quindi al proprietario della casa prescelta, un uomo di 88 anni del posto, e si è accordato per un canone mensile di 300 euro. Non disponendo di un conto corrente, ha proposto che fosse una terza persona -  a cui mensilmente avrebbe dato i soldi in contanti - ad effettuare i bonifici. Il proprietario ha accettato, ma dopo alcuni mesi, non vedendo il becco di un quattrino, ha iniziato ad insospettirsi e si è rivolto al comando della Polizia locale.

Dopo accurate indagini, è emerso che l’inquilino, in effetti, dava i soldi dell’affitto al truffatore, ma questi, dopo averli versati su una carta prepagata e aver disposto il bonifico, stampava la ricevuta e lo annullava subito dopo, ritirando di nuovo i contanti. Il giochetto è andato avanti 5 mesi, finché è scattata la denuncia verso il 63enne e l’affittuario, che ad oggi risulta estraneo alle accuse (e nel frattempo si è trasferito altrove), è stato costretto ad andarsene.