• Pavia:

Pavia è tra le città più inquinate della Lombardia

La peggiore è Brescia, seguita da Lodi e Monza, ma nella -di certo non lusinghiera- classifica di città più inquinate di Lombardia c'è anche Pavia. Almeno stando ai dati di Mal'Aria 2019, il dossier annuale di Legambiente sull’inquinamento atmosferico nelle città italiane. Nel nostro capoluogo sono stati 115 i giorni di superamento dei limiti di Pm10 ed ozono, per i quali sono previsti -per legge- un massimo complessivo di 60 giorni. Dati non incoraggianti, quindi, nonostante la media annuale sia migliorata nell’ultimo decennio. Per Legambiente i motori diesel restano la prima fonte inquinante, ma non è da sottovalutare anche l’effetto del riscaldamento domestico e dell’agricoltura."Le misure di limitazione delle emissioni devono diventare una priorità politica e amministrativa – dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia –. Nonostante l'esistenza dell'Accordo di programma per il miglioramento della qualità dell'aria del bacino padano, infatti, tuttora si continua a procedere per deroghe. Oggi la sfida per Regione Lombardia deve essere quella di ridurre il tasso di motorizzazione e di fare della mobilità sostenibile il motore del cambiamento. È necessario ripensare le città per le persone, non per le auto, conclude Meggetto, con regolamenti che disincentivino l’uso delle automobili, incentivando davvero la mobilità sostenibile, potenziando il trasporto pubblico locale, urbano e pendolare e prevedendo reti ciclabili che attraversino nelle diverse direttrici i centri urbani". Ogni anno in Europa, stando ai dati dell’Agenzia Europea per l’ambiente, sono oltre 422mila le morti premature per inquinamento atmosferico e l’Italia si colloca tra i paesi europei peggiori, con più decessi in rapporto alla popolazione, oltre 60 mila nel solo 2015.