• Pavia:

Travacò, fanno saltare il bancomat con una bombola

Un'esplosione, rumore di vetri infranti e di lamiere divelte, qualche frase detta in tono concitato e poi la fuga con il bottino. Ancora un bancomat preso di mira dai ladri, ancora una volta con un modus operandi già visto. E' successo nella notte, a Travacò Siccomario. I malviventi hanno preso di mira la filiale della Ubi Banca in Piazza Caduti e Combattenti D'Italia, a Travacò Siccomario, in pieno centro paese. A quanto risulta dalle prime informazioni la banda avrebbe agito utilizzando una bombola per far saltare il bancomat. L'esplosione è stata fortissima e diversi residenti si sono svegliati a causa del rumore. I ladri hanno però agito in pochissimi minuti: dopo che il fumo si è diradato sono entrati nello stanzino messo a soqquadro e sono riusciti a raggiungere le cassette di sicurezza attraverso il buco causato dall'esplosione. Poi, sono fuggiti in tutta fretta, riuscendo a far perdere le proprie tracce nella notte. Sul caso stanno ora indagando i carabinieri, che hanno raccolto le prime testimonianze ed effettuato i rilievi del caso. Il bottino non è ancora stato quantificato, ma i danni sono ingenti: questa mattina gli operai erano già al lavoro per ripristinare il bancomat distrutto. Venerdì scorso un'altra banca era stata presa di mira dai ladri, la popolare di Milano di via Sant'Antonio a Bereguardo. In quell'occasione il bottino era stato di circa 40 mila euro e un residente era riuscito ad annotare il numero di targa di un'auto in fuga, che -stando ai controlli dei carabinieri- era stata rubata alcuni giorni prima. Non è escluso che si possa trattare della stessa banda responsabile del furto a Travacò.