• Pavia:

Un milione di euro di tasse non pagate a Pavia. Caccia agli evasori

Come ogni anno, il comune di Pavia prosegue la sua caccia agli evasori. Ed il 2019, è il caso di dirlo, non farà sconti. Dalle case del Mezzabarba manca infatti un milione di euro per un totale di seimila cartelle relative a Imu e Tari del 2013. Imposte che in contribuenti saranno chiamati a versare dopo gli accertamenti degli uffici comunali. Ad oggi cittadino però è riservata la possibilità di presentare le sue controdeduzioni rispetto alla cifra richiesta. Si tratta di una vera e propria caccia agli evasori, decisamente superiore agli nani precedenti. In pratica un pavese dieci sarà chiamato a saldare le tasse arretrate. Un’operazione talmente vasta che, per paradosso, avrà costi ulteriori anche per il Mezzabarba. Per recapitare gli avvisi di pagamento infatti il comune impegnerà poco più di 20mila euro. Le cartelle, insomma, non saranno rottamate ma in caso di importi elevati si potrà chiedere una rateizzazione dei pagamenti. Una percentuale, seppur minima, va specificato, può rientrare nella casistica dell’errore. Ad ogni modo il dato resta piuttosto imponente con un milione di euro da recuperare distribuito su seimila cartelle. Ed il recupero del’evasione negli ultimi anni parla chiaro: dal 2015 al 2017 i numeri del MEzzabarba sono addirittura triplicati.