• Pavia:

Caccia, via il limite dei 55 giorni. Invernizzi (FI): “Tutelare una tradizione”

Migliorare le condizioni del mondo venatorio senza trascurare però, allo stesso tempo, l’ambiente. Ruggero Invernizzi, presidente della Commissione Agricoltura di Regione Lombardia, ha annunciato importanti novità per il settore della caccia al termine dell’ultima seduta. "Nella commissione tenutasi ieri - ha sottolineato il consigliere regionale eletto con Forza Italia - abbiamo introdotto grandi novità per il mondo venatorio: innanzitutto è stato eliminato il limite di 55 giornate di caccia, per misurare le distanza tra i capanni si seguirà quindi la morfologia del terreno a seguito della riforma del catasto che ha eliminato la classe fabbricati rurali".

Quello della caccia è un mondo che da sempre divide l’opinione pubblica. Ma Regione Lombardia, attraverso il lavoro della Commissione Agricoltura, "punta a tutelare una delle tradizioni del territorio". Tradizione che va protetta in primis aggiornando le normative, seguendo le esigenze dei cacciatori.

"Essa infatti può costituire un beneficio per l’ambiente in quanto i cacciatori, attraverso il loro contributo, proteggono l’habitat naturale" ha sottolineato Invernizzi. "L’eliminazione del limite dei 55 giorni, inoltre, darà la possibilità di ampliare il periodo di prelievo di alcune specie, come il cinghiale, tanti sono i danni subiti dagli agricoltori. – ha continuato Invernizzi  – Procediamo verso la sburocratizzazione al fine di rendere la normativa inequivocabile.”