• Pavia:

Pendolari, soppressione dei treni. I Comuni chiedono un incontro in Regione

Due tra le 10 linee ferroviarie lombarde in cui la sicurezza dei viaggiatori è più a rischio sono pavesi. È quato emerso da un indagine svolta dalla regione che ha tracciato la mappa delle tratte con il più alto indice di pericolosità, basandosi sugli episodi di violenza accaduti nell’ultimo periodo. E se la linea più a rischio risulta essere la S9 Saronno Albairate, dove di recente è scattato l’arresto di un 21enne egiziano che ha molestato un ragazza in pieno giorno, non va molto meglio secondo l’ indagine su altre tratte come le pavesi Milano-Mortara e Voghera-Pavia-Milano, dove si sono verificati episodi di microcriminalità in particolare nel corso delle serate del week end. I risultati dello studio hanno spinto l’assessore alla sicurezza Riccardo De Corato a chiedere l’impiego di una parte dei 69 nuovi agenti annunciati dal ministero degli interni per il controllo delle reti lombarde. Ma di problemi legati al servizio ferrroviario locale si continua a parlare, oltre che per il problema sicurezza, anche per quello senz’altro  più sentito dai pendolari pavesi dei ritardi e delle sopressioni dei convogli. E per rivendicare più tutele per i propri cittadini si preparano a scendere in campo i sindaci della tratta Stradella Pavia Milano che, dopo un primo incontro, ne hanno già fissati altri per poi partire alla volta degli uffici regionali dove sono intenzionati a far sentire la voce dei pendolari e chiedere alla Regione più chiarezza sul futuro di queste linee e in definitiva della possibilità di questi territori di garantire servizi adeguati a chi lavora.