• Pavia:

Scuvera, Bozzano e Calabrò: in tre per la segreteria provinciale Pd

Candidature entro lunedì prossimo e il voto degli iscritti calendarizzato per il 18 di novembre. Il pd scalda i motori in vista della stagione congressuale. In provincia e in regione i democratici dovranno decidere i nuovi segretari. E Pavia non è da meno visto che dopo cinque anni Alberto Lasagna ha deciso di non ripresentarsi, lasciando vacante un incarico cruciale alla luce dei prossimo appuntamenti elettorali, elezioni del capoluogo in primis. Sono circa 2500 in totale gli iscritti chiamati a votare nelle 60 sedi presenti sul territorio della provincia. La presentazione delle candidature per la successione ad Alberto Lasagna scadono ufficialmente lunedì 29 ottobre ma i nomi circolano già da diverse settimane dalle parti di via Taramelli. Non è un mistero la possibilità che la segreteria democratica possa tingersi di rosa: l’ex deputata Chiara Scuvera, vicina al consigliere regionale Villani, è uno dei nomi caldi per la successione a Lasagna. Così come lo è quello di Michele Bozzano ex assessore regionale ed esponente vigevanese del partito, appartenente alla corrente del senatore Alan Ferrari. Resta infine d’attualità, anche se il diretto interessato ha glissato, il nome di Roberto Calabrò, segretario cittadino del Pd a Pavia anch’egli in scadenza di mandato e vicino all’ala bosoniana del Partito Democratico. Il prossimo 18 novembre il voto degli iscritti disegnerà la nuova segreteria di via Taramelli.