• Pavia:

Pavia, tassa sui rifiuti: stangata in arrivo

Stangata in arrivo per i contribuenti pavesi. A partire dal prossimo anno la tassa sui rifiuti rischia un’impennata a causa dell’incremento dei costi di smaltimento, al punto che Asm prevede un aumento tra il 4 ed il 6% del servizio a carico del comune. La causa di questa improvvisa impennata è da imputare principalmente ad un mercato della carta ormai quasi saturo e al fatto che manchino impianti in grado di lavorare il vetro. Per l’indifferenziato invece la previsione è di una crescita dei costi del 20%. Numeri che rischiano di ripercuotersi concretamente, a partire dal 2019, sulle tasche dei contribuenti del capoluogo. Del resto la variazioni dei costi rappresentano un problema di non poco conto per i bilanci degli enti locali e a farne le spese, come spesso accade, sono i cittadini. Il ragionamento è semplice: se aumentano i costi di smaltimento e allo stesso tempo Asm incassa meno per la vendita dei suoi rifiuti, il ciclo non funziona più correttamente, richiedendo nuove risorse economiche. In vista del 2019 le stime sulla vendita della carta parlano di una possibile diminuzione del 20% mentre i costi per lo smaltimento degli ingombranti rischiano addirittura di raddoppiare. Ma sono indifferenziata ed organico, ovvero il 75% della produzione dei rifiuti di Pavia città, ad attirare le principali attenzioni dell’azienda di via Donegani in vista di un 2019 che potrebbe essere piuttosto salato per i contribuenti del capoluogo.