• Pavia:

Codevilla, il cimitero della frazione cade a pezzi. Sta franando

Prima è stato uno scivolamento del terreno, poi le scosse di terremoto che si sono susseguite negli anni. E al cimitero di Mondondone, piccola frazione di Codevilla  arroccatta sulle prime colline dell’Oltrepo, nessuno, da più di 10 anni a questa parte, ha più potuto essere sepolto. Problemi di stabiità che impediscono qualsiasi tipo di ampliamento, anche minimo. Le amministrazioni che si sono susseguite negli anni hanno preso atto del problema, senza però prendere iniziative perché i lavori apparivano troppo dispendiosi. Finché su segnalzione del consigliere comunale id opposizione Marco Dapiaggi l’amministrazione guidata dal sindaco Roberto Pastormerlo ha inoltrato al ministero dell’interno una richiesta di finanziamento da 300mila euro per la messa in sicurezza del cimitero, di cui però, al momento non si sa nulla. Noi abbiamo raccolto l’appello di un residente, Marco Feltri, alle istituzioni nazionali perché stanzino i fondi necessari all’intervento. Molti hanno espresso la volontà, una volta passati a miglior vita, di riposare qui – ha spiegato Feltri – ma se non si interviene questi desideri di chi è nato qui e vorrebbe tornarci alla fine dei suoi giorni, sono destinati a rimanere tali.