• Pavia:

Madre e figlia truffano un’anziana a Vigevano: denunciate

Due denunce in due giorni. Sta dando risultati l’offensiva dei carabinieri contro la piaga dei furti in abitazione abbinati alle truffe agli anziani. La compagnia di Vigevano ha risolto in poche ore due casi relativi a episodi avvenuti all’inizio del mese. Dopo aver rintracciato nelle scorse ore la persona che aveva sottratto valori per 100.000 euro a un’anziana di 79 anni, i militari sono arrivati anche all’autrice di una truffa ai danni di una signora di 80 anni. Il fatto era avvenuto nel rione Cascame, per la precisione in via Gorizia, lunedì 10 settembre. A entrare in azione due truffatrici, madre e figlia. La madre, una pregiudicata trentenne nata ad Abbiategrasso ma residente a Vigevano, aveva suonato al campanello della malcapitata vittima sostenendo di essere una conoscente della figlia. Quando l’anziana ha risposto al citofono, la donna ha finto un malessere, sostenendo di essere incinta. Non era vero, ma così ha convinto la signora a farla entrare in casa per offrirle un bicchiere d’acqua. A quel punto è entrata in azione la figlia dodicenne della truffatrice, che mentre la madre distraeva l’80enne, si è intrufolata fra le stanze riuscendo a prendere 75 euro in contanti e gioielli in oro per un valore complessivo di 15.000 euro. L’anziana padrona di casa, però, subito dopo che le due se ne erano andate, si è resa conto immediatamente di avere subito un furto e ha chiamato i carabinieri. I militari, tramite una veloce indagine, sono riusciti a risalire alle autrici della truffa. La piccola non subirà conseguenze, mentre la madre dovrà rispondere di furto in abitazione mediante raggiro in concorso.