• Pavia:

Gravi le condizioni dell’uomo aggredito a Confienza. Rintracciati i membri della banda punitiva

È ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Cremona l’uomo che giovedì pomeriggio è stato brutalmente aggredito da quattro persone nella sua casa di Confienza, dove stava scontando una pena agli arresti domiciliari. Nelle ultime ore i carabinieri hanno rintracciato tre dei quattro componenti della banda, mentre risulta ancora ricercato il quarto complice. Tutto era iniziato a metà pomeriggio, quando alla porta di un uomo di 49 anni originario di Paternò, arrestato un anno fa con l’accusa di aver creato una piantagione di marijuana vicino casa, si sono presentati quattro individui. Probabilmente la vittima conosceva i suoi aggressori. Una volta dentro, la gang ha cominciato a colpire con violenza il 49enne lomellino. L’uomo è stato preso a sprangate e colpito con una mazza da baseball. I quattro avevano con sé anche una pistola e dei coltelli, che però, stando alle prime indicazioni, non sarebbero stati utilizzati. La vittima è stata letteralmente massacrata di botte. I vicini, sentito il rumore che proveniva dall’abitazione, hanno chiamato i carabinieri, giunti in forze da Robbio e da Mortara. Il 49enne è stato soccorso dai medici del 118 e portato in elisoccorso a Cremona. Quando è stato trovato dai carabinieri, era senza conoscenza. I sanitari lo hanno intubato sul posto, le sue condizioni sono ancora gravi. Immediatamente è partita la caccia agli aggressori, che si è risolta molto velocemente almeno per i primi tre componenti della banda. Sono tutti pregiudicati e risultano tutti residenti a Confienza. I militari stanno cercando di stringere il cerchio sul quarto componente del commando. Riguardo al movente dell’aggressione, la pista seguita dagli inquirenti è quella di una spedizione punitiva, probabilmente riconducibile a contrasti nell’ambiente dello spaccio di droga.