• Pavia:

Prima insulti su Facebook, poi botte da orbi in piscina tra due donne. Scatta la denuncia

Botte da orbi tra signore in piscina per messaggi non graditi scambiati su facebook: dopo quasi un mese di indagini i carabinieri hanno denunciato una donna di 43anni di Gambolò per lesioni ai danni di una coetanea con la quale, il 24 agosto scorso, c’era stata una violenta lite finita, appunto, in malo modo. La notizia della scazzottata tra signore alla piscina del paese era balzata agli onori delle cronache locali, anche perché la donna che ha avuto la peggio è stata portata al pronto soccorso col volto completamente tumefatto. All’ospedale le erano state riscontrate diverse fratture, nessuna particolarmente grave per fortuna, ma sufficienti ai medici per scrivere una prognosi di 30 giorni. Il motivo della furibonda lite non è del tutto chiaro, si sa solo che è scoppiata per motivi legati all’uso dei social network sui telefonini personali dopo che le due donne, una in compagnia della figlia minorenne,  si erano sedute a un tavolino della piscina di Gambolò. Secondo quanto riferito dai presenti, a un certo punto avevano iniziato a volare parole grosse, poi spintoni, schiaffi e pugni. Finchè un avventore è intervenuto riuscendo a dividerle e lanciando l’allarme. Sul posto erano intervenute le ambulanze e i carabinieri.