• Pavia:

Pestaggio razzista a Mortara, denunciati tre cinquantenni

Insultato e picchiato perché un nero non può andare in giro con un monopattino elettrico. È successo a Mortara nel pomeriggio di sabato 1° settembre, ma la notizia è stata resa nota soltanto nelle scorse ore, quando i carabinieri hanno rintracciato e denunciato gli autori dell’aggressione a sfondo razziale. La vittima è un ragazzo di 25 anni originario del Benin e residente a Mortara. È sposato e ha un regolare lavoro da operaio. Lo scorso sabato era in giro per la città con il suo monopattino elettrico, quando è passato davanti a un bar. Lì c’erano alcune persone, che lo hanno preso di mira. Dapprima lo hanno pesantemente insultato con epiteti razzisti. La rabbia di questi individui nasceva dal fatto che, secondo loro, un africano di colore non poteva permettersi di comprare un oggetto costoso come un monopattino elettrico. Non si tratta di una banda di ragazzini: le indagini infatti hanno permesso di appurare che gli autori di questa sconsiderata azione sono tre persone di Mortara che hanno tutte sorpassato la cinquantina. Dopo aver preso a male parole il malcapitato giovane africano, questi signori di mezza età hanno cominciato a picchiarlo. Il monopattino è stato preso e scagliato via lontano. Poi giù botte, calci e pugni, tre contro uno. La giovane vittima, finita la furia razzista, è andata a farsi medicare. Per le lesioni riportate ha rimediato una prognosi di due settimane. La cosa però non è finita lì, perché le indagini dei carabinieri sono partite subito e hanno portato a denunciare le tre persone identificate quali autori del gesto. Le accuse per loro sono di lesioni personali, danneggiamento e discriminazione razziale. Sono stati denunciati ma rimangono a piede libero.