• Pavia:

Segregata in casa dal suo ex compagno. “Sei di mia proprietà”

Minacce, insulti, pestaggi quotidiani. Una vita di sofferenza e paura, l'ennesimo caso di violenza su una donna da parte dell'ex compagno. Solo l'intervento dei carabinieri ha salvato la vittima da quello che si era ormai trasformato in un vero e proprio inferno quotidiano. Siamo ad Abbiategrasso, provincia di Milano, a pochi chilometri dal confine con il pavese. La vittima è una donna di 61 anni che da tempo viene perseguitata dal compagno, un 65enne. In casa comanda lui: gli insulti e le minacce sono all'ordine del giorno e se lei prova a rispondere viene picchiata. Una situazione insostenibile, tanto che la donna, dopo aver provato più volte a far ragionare il compagno, decide di lasciarlo. Le violenze, però, non finiscono, anzi. Lui la considera di sua proprietà e non si rassegna alla separazione. Visto che non abitano più insieme, il 65enne la tempesta di telefonate, a ogni ora del giorno e della notte. Le offese e le minacce si fanno ancora più gravi e la donna comincia a temere seriamente per la propria incolumità. E' solo a quel punto che si rivolge ai Carabinieri della aliquota dedicata alla violenza di genere del Comando Provinciale di Pavia. In un ambiente protetto si confessa con i militari, racconta la sua storia e trova il coraggio per denunciare il suo aguzzino. Gli uomini dell'Arma aprono un indagine, cooordinata dalla Procura della Repubblica di Pavia, che fa luce sulle violenze e sugli abusi. Il magistrato firma allora un divieto di avvicinamento, che viene notificato al 65enne nelle scorse ore. L'uomo ora non potrà più avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla vittima, che si trova in una struttura protetta di Pavia, e non potrà più avere alcun tipo di contatto con lei o rischia l'aggravamento della misura e il carcere.