• Pavia:

Pavia, il “grazie” di Greta al San Matteo. Finì sotto ad un camion, fu salvata per miracolo

Le immagini riportano alla mente quella drammatica mattina di ormai 9 mesi fa. E' il 17 novembre quando Greta Riccardi, studentessa 15enne del liceo Copernico, attraversa le strisce pedonali vicino al piazzale della Libertà a Pavia, portando a braccio la sua bici. Dalla curva spunta però un camion che la travolge. Sono momenti terribili, la ragazza viene trasportata d'urgenza al policlinico San Matteo dove viene operata immediatamente. I medici le salvano la vita e Greta viene poi trasferita al Niguarda di Milano dove verrà sottoposta a innumerevoli sedute di camera iperbarica, per ricostruire gran parte dei tessuti lacerati delle gambe. Oggi Greta, che è una promessa della ginnastica ritmica italiana, sta bene e per ringraziare chi l'ha aiutata ha voluto donare una targa al personale del San Matteo. Una cerimonia toccante per lei e per i medici e gli infermieri che hanno effettuato l'intervento. La 15enne è rimasta ricoverata al Niguarda per 5 mesi, dove ha subito diversi interventi ricostruttivi agli arti inferiori. Oggi è ospite al Centro Tecnico della Federazione di Ginnastica Ritmica di Desio. Il suo sogno è ritornare a calcare la pedana, tornare a fare lo sport che ama. “La terapia che funziona più di tutte – ha spiegato la madre di Greta – è l’ambiente della sua disciplina sportiva, la ginnastica ritmica. Per mia figlia non è semplicemente una passione, ma è quasi una vocazione”. La targa consegnata dalla famiglia al Presidente Giorgio Girelli e al Direttore Generale Nunzio De Sorbo riporta incisi i nomi e i cognomi di tutto il personale che, in ospedale, si è preso cura di lei. Quella maledetta mattina di novembre, per Greta, è ormai alle spalle.