• Pavia:

Albuzzano, diede fuoco al vicino: condannato a 20 anni

E' stato condannato a vent'anni di reclusione Mario Turturo, il 41enne a processo per il tentato omicidio del vicino. Nel luglio dello scorso anno Turturo aveva gettato del liquido infiammabile contro il 31enne Mario Quinci, provocandogli gravi ustioni. Tutto era iniziato in questa palazzina di via Quasimodo, alla frazione Vigalfo di Albuzzano. I due uomini, che in passato si frequentavano anche con le rispettive famiglie, erano da tempo ai ferri corti. La mattina del 15 luglio Turturo e Quinci avevano discusso e il litigio era proseguito anche nelle ore successive. In piena notte Turturo aveva sentito dei rumori provenire dall'appartamento di Quinci e si era alzato dal letto. Aveva preso con sè una bottiglia che conteneva liquido infiammabile e aveva dato fuoco alla porta di casa del 31enne. Quando il vicino era uscito per vedere cosa stesse succedendo, Turturo aveva aveva gettato il liquido infiammabile anche contro di lui. La vittima si era trasformata in una torcia umana ma era riuscito a salvarsi gettandosi nella piscina gonfiabile che aveva in giardino. Dopo quell'incidente, Quinci era rimasto ricoverato per un mese e mezzo con ustioni sulla schiena e alle gambe. Turturo era invece stato immediatamente arrestato dai carabinieri ed era finito in carcere a Torre del Gallo. Al termine della sua arringa, il pubblico ministero aveva chiesto 14 anni di carcere per il 41enne. Il collegio giudicante ha deciso invece per una pena più severa, condannandolo a vent'anni. I giudici del tribunale di Pavia hanno anche stabilito il pagamento di una provvisionale da cinquantamila euro in favore della vittima, che si era costituita parte civile nel processo.